lunedì 25 Gennaio 2021

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile
P

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D’Aosta (che infatti segna il record negativo), l’ultima tornata elettorale ci restituisce la foto di neo consigli regionali in cui le donne sono ancora fortemente sotto rappresentate con poche eccezioni tra cui la Toscana. Su 286 eletti le donne sono infatti solo 67: appena il 23% del totale.

La politica tutta, senza differenze di parte, dovrebbe interrogarsi sulle ragioni di un risultato tanto insoddisfacente e sulle proprie responsabilità. Quando si è trattato di nominare i componenti delle task force governative e ministeriali, pure a fronte del fondamentale contributo delle donne alla tenuta del Paese nelle fasi più critiche dell’emergenza Covid in tutti i settori essenziali – dalla sanità alla scuola ai servizi di cura – il Paese ha assistito a una pressoché totale rimozione di genere sanata in parte solo dopo mobilitazioni civiche e le iniziative parlamentari di cui il Pd si è fatto promotore.

Parimenti sul fronte delle nomine, delle possibilità di carriera, del riconoscimento sociale ed economico, il gap di genere è ancora profondissimo. Anche dentro i partiti dove, come ha scritto giorni fa la vicepresidente dem Anna Ascani, è giunto il tempo di cambiare il paradigma del leaderismo maschile.

L’esclusione, la marginalizzazione delle donne dai luoghi dove si assumono decisioni è una scelte che riflette un ritardo culturale grave rispetto al riconoscimento, l’inclusione, la valorizzazione delle competenze femminili. Un ritardo che l’Italia deve affrettarsi a colmare anche per rompere quel circolo vizioso che parte dal basso numero di donne in ruoli e responsabilità di vertice, passa dalla loro sotto rappresentazione nelle assemblee elettive e torna al deficit di leadership femminili. Se una buona parte degli elettori rinuncia a votare una donna nonostante la possibilità di esprimere una doppia preferenza è anche perché le donne, restando ai margini dei ruoli e responsabilità di potere e di leadership, non vengono percepite come soggetti politici credibili.

Creare le condizioni per una reale contendibilità delle cariche tra donne e uomini è una sfida per il Pd e per tutta la politica. Una sfida decisiva anche per il successo delle misure e delle scelte da compiere per superare la crisi scatenata dal Covid e rilanciare la crescita. Un obiettivo che rischiamo di fallire se non poniamo come condizione prima e trasversale a tutte le altre quella del superamento delle disuguaglianze di genere in ogni ambito della vita sociale, lavorativa, politica e familiare.

Più letti

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornate le...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

Giornalista professionista dal 1994 ha lavorato per diverse testate nazionali, stampa, radio e video, oltre che per alcune istituzioni politiche. Laureato in lettere, indirizzo...

Covid19, il vaccino a tutti i Paesi del mondo per equità e buon senso

La distribuzione del vaccino contro il COVID19 a tutti i paesi nel mondo, non è soltanto una questione di equità, ma di buon senso! In...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...