martedì 20 Ottobre 2020

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile
P

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D’Aosta (che infatti segna il record negativo), l’ultima tornata elettorale ci restituisce la foto di neo consigli regionali in cui le donne sono ancora fortemente sotto rappresentate con poche eccezioni tra cui la Toscana. Su 286 eletti le donne sono infatti solo 67: appena il 23% del totale.

La politica tutta, senza differenze di parte, dovrebbe interrogarsi sulle ragioni di un risultato tanto insoddisfacente e sulle proprie responsabilità. Quando si è trattato di nominare i componenti delle task force governative e ministeriali, pure a fronte del fondamentale contributo delle donne alla tenuta del Paese nelle fasi più critiche dell’emergenza Covid in tutti i settori essenziali – dalla sanità alla scuola ai servizi di cura – il Paese ha assistito a una pressoché totale rimozione di genere sanata in parte solo dopo mobilitazioni civiche e le iniziative parlamentari di cui il Pd si è fatto promotore.

Parimenti sul fronte delle nomine, delle possibilità di carriera, del riconoscimento sociale ed economico, il gap di genere è ancora profondissimo. Anche dentro i partiti dove, come ha scritto giorni fa la vicepresidente dem Anna Ascani, è giunto il tempo di cambiare il paradigma del leaderismo maschile.

L’esclusione, la marginalizzazione delle donne dai luoghi dove si assumono decisioni è una scelte che riflette un ritardo culturale grave rispetto al riconoscimento, l’inclusione, la valorizzazione delle competenze femminili. Un ritardo che l’Italia deve affrettarsi a colmare anche per rompere quel circolo vizioso che parte dal basso numero di donne in ruoli e responsabilità di vertice, passa dalla loro sotto rappresentazione nelle assemblee elettive e torna al deficit di leadership femminili. Se una buona parte degli elettori rinuncia a votare una donna nonostante la possibilità di esprimere una doppia preferenza è anche perché le donne, restando ai margini dei ruoli e responsabilità di potere e di leadership, non vengono percepite come soggetti politici credibili.

Creare le condizioni per una reale contendibilità delle cariche tra donne e uomini è una sfida per il Pd e per tutta la politica. Una sfida decisiva anche per il successo delle misure e delle scelte da compiere per superare la crisi scatenata dal Covid e rilanciare la crescita. Un obiettivo che rischiamo di fallire se non poniamo come condizione prima e trasversale a tutte le altre quella del superamento delle disuguaglianze di genere in ogni ambito della vita sociale, lavorativa, politica e familiare.

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...