lunedì 18 Gennaio 2021

Tutti pazzi per Iacopo
T

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi aveva seguito la sua esperienza con la onlus da lui fondata ‘Vorrei prendere il treno’ sapeva chi fosse e dove voleva arrivare, “ad innamorarsi”. Oggi invece, dopo solo un mese, è diventato una stella della politica nostrana. Con 11233 preferenze è il candidato più votato a Firenze. Un exploit che suona come una scommessa, vinta.

Tutti i principali quotidiani e trasmissioni televisive e addirittura articoli oltreoceano hanno parlato di lui: “Ciò che ho apprezzato molto – ci dice al telefono – è che i giornali non abbiano sottolineato eccessivamente la mia disabilità come tratto caratterizzante o discriminatorio”. Nessuno ha osato, perché Iacopo è molto di più della sua disabilità, è sempre stato lui stesso a dirlo.

Ciò che ha colpito della sua candidatura non è certo la sua carrozzina, ma piuttosto la sua giovane età (ha 28 anni) e la sua campagna elettorale fatta totalmente on line, perché ai tempi del Covid per Iacopo è necessario preservare la sua salute: “Penso che mi abbiano votato anche perché mi sono impegnato da subito per i diritti, e i diritti sono di tutti. Superano le correnti e le divisioni. Ho fatto una campagna che si può definire imparziale da questo punto di vista”. Nonostante la distanza fisica e la mancanza di esperienza diretta in politica, la sua voce è arrivata in tutta la Regione forte e chiara, merito anche dei tanti volontari che lo hanno aiutato a volantinare nelle strade della città perché “la politica”, ci ha tenuto a specificare, “è fatta sopratutto di collaborazione. Da solo si fa poco, insieme si va più lontano”.

Su questa strada, fatta di apertura e rinnovamento, ha avuto un ruolo determinante anche il Partito democratico di Nicola Zingaretti che gli ha dato fiducia e un’opportunità, che Iacopo non vuole certo sprecare. “Sono consapevole – ci dice – che la politica ha dei tempi e delle risorse limitate. Il fatto di dover dipendere da queste variabili, però, non ferma la mia voglia di fare. Ho tanto entusiasmo e lo vedo intorno a me, per questo sono fiducioso. Ma sono anche realista e concreto. Bisogna procedere per piccoli passi ma speditamente”.

Ma come ha vissuto questo piccolo miracolo, il campione di voti? “Poteva andare benissimo o malissimo. A me è andata bene, evidentemente ho seminato bene. Perché non credo che tutto sia dipeso dall’ultimo mese di campagna elettorale, probabilmente è merito anche della credibilità sul campo che ho acquisito negli anni. Ora il mio impegno è dare voce alle persone che ho incontrato e non deludere la loro fiducia”. E il futuro? “Il futuro si vedrà”.

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...