mercoledì 20 Gennaio 2021

Non facciamo la guerra sul corpo delle donne
N

Ne parlano tutti. E già per questo ha colto nel segno. Bella, formosa, femminile e sexy la foto di Vanessa Incontrada si può vedere ovunque sui social e sui giornali. E’ una foto che ritrae la normalità delle donne e che è stata scattata con l’intento di superare i canoni di bellezza dettate dai modelli femminili. E’ un po’ la rivincita delle normali dopo anni di soprusi estetici (più o meno volontari).

C’è chi ha detto che ha fatto benissimo a farsi fotografare nuda. C’è chi ha detto che ha sbagliato. C’è chi ha detto che non può essere lei la portavoce delle brutte, perché non è brutta neanche un po’. E c’è chi ha detto che alla fine non è neanche tanto grassa. Insomma non è abbastanza sbagliata per portare avanti una battaglia per tutte noi.

Parole, parole e parole che lasciano nell’aria qualcosa di stonato. Perché dietro il messaggio nobile e giusto (ognuno è libera di essere e amarsi per ciò che è) rimane un retrogusto amaro e confuso. Forse lasciato proprio dai tanti commenti che hanno preso quella immagine e l’hanno usata come un’arma per farsi battaglia a suon di sentenze.

Perché il punto è proprio quello: usare un’immagina nuda contribuisce alla discussione sulla spettacolarizzazione del corpo della donna in maniera positiva? O diventi anche tu parte di quel sistema che stai criticando? E mettendo quella foto ci stiamo ponendo come un nuovo modello da seguire, sottintendendo che tutti gli altri sono sbagliati? Insomma sembra che non siamo così maturi da prendere un’immagine ed ammirarla solo per quello che è. Forse è proprio da questo che dobbiamo ripartire.

Più letti

Al via Radio Immagina, dalla parte delle persone

Ormai ci siamo. Una nuova avventura editoriale, una nuova voce prende vita. È la voce del Partito Democratico, dei suoi iscritti, della sua comunità,...

Grazie a Macaluso, l’uomo che non ha mai smesso di “vivere la politica”

Emanuele Macaluso non era un uomo facile. La sua sincerità lo spingeva a dire le cose come le vedeva e le pensava. E talora...

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Dopo alcune proteste, anche mie, ho veduto che al tour de France non c’erano le due vallette che baciano il vincitore. Quest’anno c’erano un ragazzo ed una ragazza che non baciavano e non mostravano corpi fasciati per evidenziare forme sensuali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...