sabato 24 Ottobre 2020

Festa dei nonni, onore alla generazione scomparsa e immortale
F

Oggi è la Festa di nonni, una ricorrenza importante che quest’anno acquista un significato speciale. A causa della pandemia l’Italia si è ritrovata improvvisamente orfana di una intera generazione che se ne è andata via in silenzio.

In Italia sono 317.409 i casi di coronavirus dall’inizio della pandemia. Sono i dati del bollettino del 1 ottobre. Bisogna tornare al 25 aprile scorso, quando l’Italia era ancora in pieno lockdown, per trovare un numero simile di contagi giornalieri: 2.622 (ma quel giorno le vittime furono 415).

Una prima linea che muore. E se ne va via molto più della dimensione affettiva e familiare: muore un pezzo di storia,  ma anche la saggezza, l’esperienza, la memoria storica. “La generazione più anziana paga un prezzo altissimo – aveva detto il presidente Mattarella – Ci sono comunità duramente impoverite dalla loro scomparsa”. Muore una generazione e con essa un patrimonio enorme di valori.

Eppure migliaia di anziani sono morti senza un saluto, senza un abbraccio, senza una carezza negli ospedali, in strutture sociosanitarie o in solitudine nelle proprie case, senza avere il tempo di dire addio a familiari e amici, senza avere la possibilità di raccontare la propria vita.

Una generazione che ha lavorato per ricostruire, che ha visto la guerra, patito la fame. La cui quotidianità è stata segnata dalle privazioni. Quanti di noi possono condividere il ricordo tramandato delle sirene e di quelle fughe forsennate nei rifugi antiaerei o rammentano mani callose, segno del duro lavoro di chi non aveva paura di sporcarsi.

Se ne va una generazione di bambini usciti dalla guerra che ha costruito l’Italia, gli ha dato storia, ricchezza, spessore, ideali. Che ci ha dato quello che siamo. La generazione che ha vissuto questo non ha mai avuto il tempo di perdere il sorriso e ci ha visto crescere nel benessere, donne e uomini abituati a togliere il pepe alla mortadella che non hanno mai dato nulla per scontato.

Eppure, nonostante tutto, i sorrisi rugosi, erano pieni di speranza. Erano i tempi dei primi frigoriferi, delle Fiat 500 e della Lambretta. L’epoca del boom economico, del futuro radioso. Sulle loro spalle, non dimentichiamolo, si è abbattuta anche la responsabilità di sostituire un welfare che non teneva conto della famiglia. E non si sono sottratti. Anzi sono stato il perno di una società per molti versi disumana.

I nostri anziani che questa malattia ci ruba, oggi vanno festeggiati con tutte le onorificenze. La dedizione che hanno lasciato è un eredità che non possiamo e dobbiamo disperdere.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...