sabato 24 Ottobre 2020

La vittoria della rivoluzione gentile. Intervista a Giovanna Bruno, sindaca di Andria
L

Il centrosinistra torna a governare Andria, quarto comune della Puglia, dopo 9 anni di amministrazione di centrodestra ed un pre-dissesto in atto. Ad ottenere lo straordinario risultato è stata la neo sindaca Giovanna Bruno affiancata dalla sua squadra. Ci tiene a sottolinearlo lei, che è prima di tutto si definisce una mamma e che ha portato la stessa cura e garbo familiare nell’esperienza politica.

La sua è stata definita una rivoluzione gentile, di cosa stiamo parlando?

“Abbiamo impresso uno stile nella campagna elettorale che ha parlato alla pluralità, con toni diversi da quelli a cui la politica recentemente ci ha abituato. Abbiamo parlato di bellezza, di rivoluzione culturale e mentale, abbiamo usato le parole come se fossero fiori. Tanto che a chiusura della campagna ho voluto donare un fiore e una poesia alle persone della nostra comunità che, durante il malgoverno del centrodestra, sono state letteralmente svilite”.

Questa sterzata di positività, questo senso di comunità da dove viene?

“La famiglia è la mia prima squadra, loro sono i miei primi supporters. Ho due bambini di 7 e 4 anni e tutti noi ci siamo messi in gioco in questo percorso. La verità è che abbiamo condiviso e affrontato un dolore enorme. Ho perso mia madre il 28 aprile a causa del Covid e tutta la famiglia è stata contagiata, compreso mio figlio che aveva 3 anni, mio marito, mio padre e mio fratello. Mia madre si chiamava Angela ed era un’insegnante, ha contratto il covid durante un banale intervento fuori Regione. E’ stata ricoverata dopo il contagio nella stessa stanza di mio fratello che ha condiviso l’esperienza del ricovero e dopo essersi aggravata è stata spostata in rianimazione, tracheostomizzata e alla fine non ce l’ha fatta”.

Questo dolore e questo trauma però non l’hanno fermata?

“Avrei dovuto dire basta alla politica dovendo reimpostare la mia vita senza mia mamma che era un perno fondamentale. Mio padre mi ha però convinto. Se interrompi i tuoi progetti di vita, sancisci per ben due volte la morte di tua madre – mi ha detto. Il suo esserci sempre ma con discrezione e la sua capacità di parlare con re e mendicanti sono l’eredità che voglio trasmettere”.

Di cosa ha bisogno Andria?

“Noi abbiamo una condizione di pre-dissesto economico con un accertamento di debito strutturale di 74 milioni di euro a cui aggiungere altre voci. Forse staremmo intorno ai 100 milioni di debito. Ci sono delle procedure attive che avranno degli esiti che attendiamo. Noi dobbiamo lavorare su queste macerie economiche, ma anche valoriali, umane e sociali. Il nostro programma è per le persone e lo fa concentrando tutte le nostre attenzioni sugli ultimi e sui servizi fondamentali che sono stati ridotti e negati. La persona al centro grazie ad una rete istituzionale forte, in concerto con la Regione e il Governo centrale che devono darci un po’ di ossigeno. Non perché lo pretendiamo, ma semplicemente come forma di aiuto immediato. E poi il recupero delle periferie, laddove per periferie non si intendono solo i luoghi fisici, ma le periferie umane. Dopo la vittoria sono tornata al mercato a parlare con le persone, lo stupore negli occhi dei miei cittadini è già un ottimo inizio. Partiremo da questo, la nostra comunità è in cammino.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...