martedì 20 Ottobre 2020

Il Programma alimentare mondiale ha vinto il Nobel per la Pace
I

Il premio Nobel per la Pace 2020 è stato assegnato al Programma alimentare mondiale dell’Onu, cioè il World Food Programme (Wfp). Lo ha annunciato il Comitato norvegese per il Nobel, a Oslo, sottolineando che oggi “la necessità di solidarietà internazionale è più evidente che mai”.

Ma che cosa è questo programma e di cosa si occupa nel concreto?

Con 86,7 milioni di persone assistite in circa 83 paesi ogni anno, il World Food Programme (WFP), la cui sede è a Roma, è la principale organizzazione umanitaria e agenzia delle Nazioni Unite impegnata a salvare e cambiare le vite, fornendo assistenza alimentare nelle emergenze e lavorando con le comunità per migliorarne la nutrizione e costruirne la resilienza.

Si legge sul sito ufficiale del Programma, che le attività si concentrano nell’assistenza d’emergenzanel soccorso e nella ricostruzionenello  sviluppo e nelle operazioni specialiDue terzi dei nostri interventi si svolgono in paesi colpiti da conflitti, dove il rischio per le popolazioni di essere denutrite è tripla rispetto ai paesi in pace. 

Nelle emergenze, il WFP è spesso il primo a giungere sul posto e a fornire assistenza alimentare alle vittime di guerre, conflitti civili, siccità, inondazioni, terremoti, uragani, cattivi raccolti e disastri naturali. Cessata l’emergenza, il WFP aiuta le comunità a rimettere insieme le vite delle persone e a ripristinarne i mezzi di sostentamento. In un’ottica di sviluppo all’interno della nostra risposta umanitaria, lavoriamo anche per rafforzare la resilienza delle popolazioni e delle comunità colpite da crisi protratte nel tempo.

I progetti di sviluppo del WFP si concentrano sulla nutrizione, con particolare riferimento a madri e bambini, combattendo la malnutrizione fin dal suo primo insorgere tramite programmi mirati ai primi 1.000 giorni di vita, cioè dal concepimento al secondo anno d’età del bambino e, più tardi, ai pasti a scuola.

Il WFP è la più grande organizzazione umanitaria che attui programmi di alimentazione scolastica in tutto il mondo, e questo da oltre 50 anni. Ogni anno, il WFP fornisce pasti a scuola a oltre 16 milioni di bambini e bambine in 60 paesi, spesso nelle regioni più inaccessibili.

Il WFP acquista 3 milioni di tonnellate di cibo l’anno. Di questa quantità, almeno tre quarti  proviene da paesi in via di sviluppo. Acquistando il cibo il più vicino possibile a dove esso è necessario, possiamo risparmiare tempo e denaro sui costi di trasporto e contribuire a sostenere l’economia locale. Sempre più spesso, il WFP soddisfa i bisogni alimentari tramite trasferimenti di contante, che permettono alle persone per cui lavoriamo di poter scegliere e acquistare cibo locale.

Il WFP, inoltre, fornisce servizi all’intera comunità umanitaria. Tra questi, c’è anche il trasporto aereo con il Servizio Aereo Umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS), che raggiunge oltre 250 destinazioni in tutto il mondo.

Finanziato interamente da donazioni volontarie, nel 2018 il WFP ha raccolto la cifra record di 7,2 miliardi di dollari. Lo staff del WFP conta oltre 17.000 dipendenti in tutto il mondo; di essi, oltre il 90 per cento si trova in paesi in cui l’agenzia fornisce assistenza.

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...