domenica 29 Novembre 2020

Due note su come si maldiscute, a partire dal tweet di Toti
D

Pubblichiamo un contributo video di Gianni Cuperlo:

“Questa pandemia svela una componente del nostro individualismo e toglie alibi all’idea difettosa, perché sbagliata, che la libertà non abbia limiti né confini.

E la domanda è se esista un legame tra questa assenza di responsabilità e il messaggio che arriva dalle cosiddette élite delle nostre società.

Penso alla campagna elettorale per le presidenziali americane, che passerà alla storia credo coma la peggiore della storia della democrazia americana. Oppure penso al tweet fuggito di senno e di mano a Giovanni Toti sugli anziani che non avrebbero una funzione produttiva nel Paese.

È come se mancasse nelle classi dirigenti l’etica della solitudine e della paura che tante persone vivono. È come assistere a un grande rito circense, “E adesso la parola all’uomo che insulta!”.

Forse dire queste cose, anche adesso, un po’ aiuta, come un vaccino.

Sono passati 45 anni dall’omicidio di Pier Paolo Pasolini, l’ultimo intellettuale che ha espresso critiche feroci verso il sistema, ma sempre nella consapevolezza dei ruoli. E Pasolini diceva: “Seri bisogna esserlo, non dirlo. E magari anche sembrarlo”.

E penso che valga un po’ anche per noi”.

Più letti

Informazione o uniformazione? Anche questo “dipende da noi”

La nostra è stata definita l’era dell’informazione. La prestigiosa associazione internazionale Reporters Sans Frontiers colloca l'Italia nel 2020 al 41esimo posto nella classifica mondiale...

È ora di regolamentare uso e accesso ai dati delle grandi piattaforme digitali

Le piattaforme stanno cambiando il mondo del commercio e la pandemia ha accelerato questo processo di trasformazione che incide sulla vita delle persone, sulle...

L’articolo di Laura Boldrini che Mattia Feltri ha deciso di non pubblicare su HuffPost

C'è ancora tanto da fare. Lo abbiamo scritto e riscritto durante la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ma ogni giorno abbiamo una...

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...