venerdì 27 Novembre 2020

Caso discoteche in Sardegna, il presidente della Regione deve chiarire subito
C

Quanto emerge dopo la puntata di Report, andata in onda su Rai 3 a proposito dell’emergenza Covid e della situazione legata all’apertura delle discoteche è preoccupante. L’inchiesta giudiziaria aperta dalla Procura della repubblica di Cagliari farà il suo corso.

Al di là di quali saranno gli sviluppi di questa vicenda che coinvolge tutti i sardi, c’è da fare una riflessione importante. Ossia da parte di chi governa e di chi deve trovare soluzioni per affrontare l’emergenza e tutelare la salute dei cittadini ci si aspettano comportamenti responsabili, razionali e lineari.

Questa estate abbiamo assistito a comportamenti irrazionali che sono passati da un’idea di serrata generale a una chiusura totale. Ora è necessario fare chiarezza. Siamo sicuri che le indagini portate avanti dagli inquirenti riusciranno a far emergere quanto ancora non conosciamo.

Resta un fatto che non può essere trascurato: in una situazione di emergenza non è pensabile che non si conoscano e non siano accessibili i documenti sullo scenario sanitario regionale. Sulle previsioni di una pandemia che dopo un periodo di contagi zero aveva ripreso a camminare e crescere. Oggi siamo di fronte a una situazione disastrosa e preoccupante. Le strutture sanitarie sarde, e lo certificano le cronache quotidiane, sono al collasso. Manca personale medico e infermieristico, mancano spazi dedicati, nei territori i servizi che si sarebbero dovuti riattivare non ci sono. Da tempo chiediamo all’amministrazione regionale chiarezza, atti concreti e un’assunzione di responsabilità.

Oggi, alla luce di quanto abbiamo visto e sentito nel corso dell’inchiesta giornalistica non possiamo che reiterare la nostra posizione. Il presidente della Regione deve chiarire subito. Ci dica se ci sono state pressioni, ci mostri e renda pubblico il parere del comitato tecnico scientifico. Ci spieghi perché ha cambiato idea un paio di volte in maniera così repentina. È un diritto di tutti i sardi conoscere lo stato delle cose, sapere come sono andate le cose. La pandemia e i contagi galoppano, e noi non possiamo più aspettare e vivere nell’incertezza.


Emanuele Cani è Segretario Pd Sardegna

Più letti

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Maradona è morto, lunga vita a Maradona!

“È morto uno di famiglia”. È la frase ricorrente tra le voci raccolte dai Tg per strada a Napoli, dopo che si è saputa...

Il mondo piange Diego Armando Maradona

La notizia della morte di Diego Maradona ha fatto rapidamente il giro del mondo. Perché in tutto il mondo, non solo in Argentina o...

“Contro sessismo e misoginia puntiamo tutto sulla cultura del rispetto”. Parla Laura Boldrini

Un tweet su due, degli oltre cinquecentomila analizzati e destinati al mondo femminile tra marzo e settembre del 2020, conteneva un insulto. È il...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...