domenica 17 Gennaio 2021

Contro la violenza, cambiate le parole
C

Oggi è il 25 novembre. Tutti i vostri giornali, i siti web, i contenitori di informazione ricordano la giornata internazionale contro la violenza. Pubblicheremo foto di scarpe rosse, di panchine o forse i vostri volti con un segno rosso su uno zigomo.

E’ importante, ma è facile. Stavolta noi vi chiediamo altro. Il vostro lavoro è fondamentale. Lo e da sempre. Lo è tanto più nell’era della comunicazione immediata, dell’immagine. Troppo spesso titoli non riflettuti, stereotipati, non raccontano le donne, raccontano un’immagine sbagliata e nociva, e in alcune occasioni una visione misogina, maschilista, sessista.

Molte giornaliste si sono attivate con forza per cambiare tutto questo, e noi siamo al loro fianco convintamente tanti più nella consapevolezza che sono ancora poche le donne in posizione apicale nelle redazioni . Apprezziamo iniziative importanti, come quella del Presidente Verna, come i codici per “raccontare i femminicidi” che speriamo vengano rispettati ed attuati.

Pensiamo però davvero che la sfida contro la violenza riguardi un Paese intero, riguardi uomini e donne, riguardi la cultura e la comunicazione. Raggela dover leggere proprio alla vigilia del 25 novembre articoli a nostro parere culturalmente sbagliati, e, pur nel rispetto della libertà di comunicare, non possiamo più accettare, magari su testate che percepiscono contributi pubblici, parole che raccontano che…e’ “l’imprudenza” delle donne a determinare uno stupro.

La violenza si combatte rispettando la libertà femminile. Rispettando la differenza di genere. E anche cambiando le parole. Il linguaggio di genere e’ un tema molto molto serio e può contribuire ad aprire una pagina nuova, a mettere le basi per una stagione in cui il rispetto tra i generi sia la normalità”

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...