domenica 17 Gennaio 2021

La battaglia contro la violenza di genere è una priorità del Governo
L

La violenza di genere è un crimine che non possiamo accettare. Combatterla è una questione di civiltà, che non può riguardare soltanto le donne ma che deve coinvolgere necessariamente tutti noi. E gli uomini devono essere in primissima fila.
Oggi, in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, dobbiamo ribadirlo con tutta la forza che abbiamo. Perché continuiamo a vivere in una società che su questo è ancora molto ingiusta, anche nel nostro Paese.
I dati forniti dall’Osservatorio interministeriale contro la violenza sulle donne, al quale partecipo su delega del Ministro dell’Interno, confermano un trend estremamente preoccupante. Atti persecutori, stalking, maltrattamenti familiari, violenze sessuali, discriminazione, revenge porn, violazioni delle libertà fondamentali e, come dimostra anche la cronaca di oggi, il dramma assoluto dei femminicidi.
Stiamo parlando di un fenomeno terribile, molto radicato e trasversale in termini geografici, anagrafici, culturali e di classi sociali. La soluzione non può di conseguenza che essere complessa. Consapevolezza, educazione delle giovani generazioni, differenti modelli di riferimento, lotta a stereotipi e pregiudizi, rispetto della donna, cultura della non violenza, politiche di genere. Da qui si deve partire, da qui si deve passare.
Il Viminale, grazie anche alla sensibilità della Ministra Lamorgese, è impegnato al massimo su questo fronte a vari livelli, a partire dal contrasto e dalla repressione. Con l’app YouPol, per facilitare la denunce, con una specifica formazione del personale di Polizia e con il sostegno anche economico alle vittime sono stati fatti molti passi avanti in questi anni. Vogliamo continuare su questa strada.
La battaglia contro la violenza di genere è una priorità del Governo. Una battaglia che però ha bisogno di un impegno collettivo per essere vinta. E per essere vinta il prima possibile.

Al link qui sotto trovate tutte le informazioni utili sulla app YouPol https://www.poliziadistato.it/…/135e74a0112e9af858848025

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...