venerdì 22 Gennaio 2021

Le pari opportunità e quel sistema normativo che rimane sulla carta
L

Il 25 novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le Donne (ho deciso d’ora in poi di scrivere il nome Donne con la D maiuscola, fino a quando non avremo piena cittadinanza),  un male orrendo che affligge il mondo intero in maniera diversa e che chiama ciascuno di noi a prendere una posizione chiara e netta di contrasto. Si deve stare dalla parte della non violenza ed essere  intransigenti nei confronti di ogni gesto che sia espressione di una concezione retrograda e proprietaria delle relazioni umane e che sottoponga le Donne ad una condizione di inferiorità.

Il Dipartimento Pari Opportunità di Ali, autonomie locali italiane, che ho l’onore di dirigere ha condotto la prima ricerca su scala nazionale sulla percezione delle politiche delle pari opportunità a livello amministrativo con un focus sulla violenza. I risultati evidenziano delle criticità che vale la pena riportare come dati sui quali indirizzare l’azione politica e delle amministrazioni locali.

Dal punto di vista dei cittadini il 51,9% degli intervistati è venuto a conoscenza di episodi di violenza contro le Donne (Donne il 57% mentre gli uomini 46,4%). Se più della metà della popolazione dunque ha assistito direttamente o indirettamente al verificarsi di atti di violenza il fenomeno ha una diffusione drammatica nel tessuto sociale e costituisce una piaga che non può essere ignorata o dimenticata.

Di questi fatti tuttavia le cittadine ed i cittadini intervistati solo il 33,7% per le Donne ed il 36,3% degli uomini sa che sono seguite delle denunce. Una percentuale sconfortante che mette in luce varie fragilità del sistema generale che vale la pena analizzare. Le Donne che subiscono violenza fanno molta fatica a denunciare per ragioni che attengono in parte alla loro condizione personale e in parte alla situazione di inefficienza del sistema giustizia. Per quanto riguarda la prima motivazione è la condizione di svantaggio economico in cui versano le Donne –  spesso inoccupate, pagate meno degli uomini, con contratti di lavoro precari, dedicate per anni alla cura dei figli e della famiglia talvolta scelta imposta dal marito/compagno – che rende difficoltoso per loro denunciare il marito o il compagno perché temono di dover lasciare la casa in cui vivono, hanno paura di perdere i loro figli, non hanno risorse per sostentare i figli e loro stesse.

Elementi questi che sono un deterrente fortissimo che non le incoraggia ad uscire da questo dramma distruttivo per loro stesse e per la prole. Dall’altra c’è la sfiducia verso un sistema che non reagisce in maniera adeguata alle richieste di aiuto delle Donne che subiscono violenza: perché i ritardi sono enormi, i processi penali difficili e costosi,  perché la presa in carico non avviene tempestivamente ed adeguatamente, perché spesso si imbattono in personale che non è formato per affrontare già da subito il caso che ha davanti e lo minimizza, lo banalizza.

Quali sono le priorità che hanno indicato i cittadini e le cittadine intervistate?  Il 57,5% ( le Donne sono il 64,2% e gli uomini il 50,3%) ha richiesto aiuti economici e abitativi per le Donne vittime di violenza in modo da renderle indipendenti ed offrire loro la possibilità di allontanarsi da situazioni di violenza fisica e psicologica; il 50,1%  ha chiesto di costringere gli uomini violenti a seguire percorsi riabilitativi; il 50% ha ravvisata la necessità di  favorire un cambiamento di cultura organizzando percorsi formativi obbligatori sulla parità di genere (sia per gli uomini che per le donne; il 46% ha chiesto di puntare maggiormente sulla prevenzione del fenomeno “violenza sulle donne” anziché sulla repressione a posteriori.

Su questi filoni deve indirizzarsi l’azione delle amministrazioni locali ciascuna nell’ambito delle proprie competenze dentro un quadro chiaro in cui le Istituzioni assumono un ruolo centrale nella lotta alla violenza contro le donne. Un compito che non può essere delegato ad altri e che semmai deve essere esercitato con altri, senza mai dimostrare disinteresse. Senza mostrare incapacità nel dare l’indirizzo a tutti gli attori chiamati ad intervenire per eliminare questo dramma internazionale e che priva le Donne dei loro diritti fondamentali.

La Convenzione di Istanbul è molto chiara e si concentra sulla particolarità che la violenza maschile ha sulle Donne, nominandola e definendola per quello che è:  violazione di diritti umani. Mai nessuno Stato si sognerebbe di delegare ad altri la tutela dei diritti fondamentali della persona che sono addirittura sovraordinati alle istituzioni che sono chiamate a renderli effettivi con azioni concrete.

Il richiamo all’assunzione di responsabilità che viene dalla Convenzione è  chiaro ed inequivocabile. Le Donne qui vengono indicate come parte dell’umanità intera composta dai due sessi, ciascuno di essi portatore di un bagaglio di diritti, uno statuto giuridico della persona diremmo noi giuriste, che non consente deroghe nella tutela ed applicazione. La Convenzione di Istanbul ha anche consentito al nostro ordinamento di raggiungere una maturità legislativa in questa materia che ha fornito tutti gli strumenti anche processuali per consentire alle donne di essere difese e protette.

Una legislazione che sulla carta è assai stringente e abbastanza esaustiva, ma che attende una piena applicazione per essere valido strumento di contrasto alla violenza. Non ci sono più alibi, non si può invocare un sistema normativo zoppo, ora serve chiedere un impegno diretto da parte degli amministratori e delle amministratrici per fare in modo che i pronto soccorso siano messi a norma; che gli ufficiali di pubblica sicurezza che ricevono le denunce siano formati; che il mondo dell’informazione sia consapevole nella narrazione dei casi di cronaca; che l’avvocatura prenda coscienza del ruolo che svolge nel seguire i casi di violenza e il diritto di famiglia; che la magistratura non scada nelle retrovie dell’interpretazione delle norme in nome di una società che non esiste più.

Insomma ora la palla passa a chi deve tradurre le norme in azioni concrete e lo deve fare senza delegare ai doveri che il proprio compito e la propria funzione richiedono.

Solo questo restituisce il senso alla giornata del 25 novembre, altrimenti tutto si trasforma in un triste e decadente show che serve a chi lo celebra nelle aule delle istituzioni e non certamente alle Donne.

Più letti

Cent’anni fa nasceva il Pci. Fondatore della Repubblica

Siamo a cent’anni dalla fondazione del Pci. Nel 1921 iniziò una lunga storia che attraversò il ‘900, con i suoi picchi e le sue...

I cento, resistenti, anni di Marisa Rodano. L’intervista a Radio Immagina (AUDIO)

“Ricca, piena di cose e molto varia”. Così ha descritto la sua vita, e come darle torto? Marisa Rodano oggi, 21 gennaio 2021, compie...

Buon compleanno Marisa, 100 anni dedicati alle donne

Buon compleanno Marisa, esistono date che hanno segnato grandi inizi nella storia del nostro Paese. Date che nutrono il nostro pensiero, il nostro sentire, che...

21 gennaio 1921-2021. Le lezioni della storia della Sinistra

“L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari" - Antonio Gramsci, L'Ordine Nuovo, 11 marzo 1921,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...