venerdì 22 Gennaio 2021

Siamo vicine. Oggi più che mai. Il messaggio alle donne del Pd Milano
S

Siamo vicine. Queste sono le due semplici parole che come PD Milano Metropolitana abbiamo scelto in questo importante giorno. Sembra un’affermazione strana, a cui non siamo più abituati in questo momento così complicato.

Proprio per questo abbiamo voluto lanciare un messaggio forte e d’impatto. Una frase che chiude in sé un duplice significato: anche se devi rimanere in casa e limitare il più possibile i tuoi spostamenti, non ti devi sentire sola, non devi sentirti abbandonata perché c’è una comunità al di fuori delle tue mura domestiche che ti può aiutare se vivi una situazione di soprusi e violenza. Una comunità che non è lontana e astratta, ma che ti è letteralmente vicina di casa. 

Il grido di emergenza e allarme lanciato durante il lockdown è forte e chiaro: in un momento in cui siamo costretti a stare lontani gli uni dagli altri e a non uscire dai nostri appartamenti, per tante donne proprio le mura domestiche possono rivelarsi fatali perché luoghi per eccellenza dove si consumano violenze e soprusi.

In Europa una donna su tre nella sua vita è stata picchiata o ha subito una qualche forma di violenza sessuale dall’età di quindici anni. E secondo un rapporto di Action Aid sul sistema antiviolenza in Italia le richieste di aiuto fra marzo e giugno 2020 (e quindi nel primo lockdown) sono state 15.280, ovvero più del doppio che nello stesso periodo del 2019. Le donne costrette in casa sono ancora più esposte agli abusi dei loro aguzzini, che nella maggior parte dei casi sono loro compagni, mariti, fratelli o padri.

Da queste violenze non ne sono esenti neanche le ragazze più giovani come me. In questi giorni la nostra cronaca è stata colpita da ferite ai danni delle più giovani, dalla giovane maestra di Torino vittima di revenge porn alla giovane 18enne stuprata e torturata da Alberto Genovese. Purtroppo, l’odiosa narrazione mediatica intorno a questi fatti spesso provoca una doppia ferita, scoraggiando e intimorendo le vittime stesse a denunciare. Nessuna vittima, in alcun modo, si deve sentire colpevole. Nessuna vittima, in alcun modo, deve pensare “forse me la sono cercata”. Nessuna vittima, in alcun modo, deve sentirsi sola.

Fare la nostra parte è importante e più urgente che mai. E per farlo serve davvero poco. Per questo abbiamo chiesto a tutte le persone, donne e uomini di scrivere un post-it e di attaccarlo alla casella della posta dei nostri vicini di casa. “Se sei vittima di violenza chiama il 1522 o scarica l’app del 1522. Chiedi aiuto. Non sei sola. Siamo vicine”. Diffondere questa informazione può rivelarsi essenziale.

Il primo passo per contrastare questo terribile fenomeno è riconoscerlo e parlarne, e la prima cosa da fare è denunciare.

Non sei sola. Siamo vicine. Oggi più che mai.

Più letti

Cent’anni fa nasceva il Pci. Fondatore della Repubblica

Siamo a cent’anni dalla fondazione del Pci. Nel 1921 iniziò una lunga storia che attraversò il ‘900, con i suoi picchi e le sue...

I cento, resistenti, anni di Marisa Rodano. L’intervista a Radio Immagina (AUDIO)

“Ricca, piena di cose e molto varia”. Così ha descritto la sua vita, e come darle torto? Marisa Rodano oggi, 21 gennaio 2021, compie...

Buon compleanno Marisa, 100 anni dedicati alle donne

Buon compleanno Marisa, esistono date che hanno segnato grandi inizi nella storia del nostro Paese. Date che nutrono il nostro pensiero, il nostro sentire, che...

21 gennaio 1921-2021. Le lezioni della storia della Sinistra

“L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari" - Antonio Gramsci, L'Ordine Nuovo, 11 marzo 1921,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...