martedì 20 Aprile 2021

Lavorare per vivere. Non vivere (né morire) per lavorare
L

Non sono eroi di guerra, sono otto ragazzi che ogni mattina si recavano al lavoro.
Quel lavoro che è principio e fondamento della nostra Repubblica ha tolto loro la vita.
Solo uno è sopravvissuto fra indicibili sofferenze.

A tredici anni dalla tragedia la situazione legata alle c.d. morti bianche non è assolutamente cambiata. Scorrendo i dati sul sito dell’INAIL si può constatare che relativamente ai primi 7 mesi del 2020 si sono registrate 719 vittime riconducibili ad incidenti sui luoghi di lavoro, il 19.5% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le condizioni nelle quali si lavora abitualmente sono rimaste le stesse anzi, spesso, risultano peggiorate. La corsa alla competizione anche tra i lavoratori e l’aumento della precarietà (esasperata da bassi salari, ricatto occupazionale abitualmente usato per diminuire i costi, aumento dei ritmi di lavoro e della conseguente alienazione, progressivo invecchiamento di lavoratrici e lavoratori che non possono andare in pensione …) hanno determinato le situazioni di insicurezza e incuria per le quali ogni giorno si muore.

Non possiamo più tollerare tutto questo. Occorre un nuovo paradigma, dobbiamo lavorare per vivere non vivere per lavorare.

La sicurezza sui luoghi di lavoro è data da moltissimi fattori, in primis dal rispetto delle normative e dei protocolli ma è strettamente legata anche ai ritmi della produzione, allo stress psicofisico al quale sono sottoposti i lavoratori, alla competizione crescente figlia di un neoliberismo che pone al centro del suo sistema esclusivamente il profitto.

La vita umana, il benessere dei lavoratori sono esclusivamente funzionali all’ incremento della produttività. Ci hanno reso tutti schiavi di un sistema basato sul successo individuale, sul becero consumismo di beni e servizi, del concetto egoistico che tutto ha un prezzo.

La politica ha il dovere di ribaltare tutto questo, rovesciando stereotipi figli di un sistema economico completamente sbagliato che ha fallito miserabilmente tutte le sfide alle quali è stato chiamato rispondere.

La vita è un qualcosa di sacro, il diritto delle persone di viverla dignitosamente ed in sicurezza non può essere messo in discussione in alcun modo.

Lavorare meno, lavorare tutti. Garantire un salario minimo universale, migliorare le condizioni di vita nei luoghi di lavoro, comprendere che la competizione non è altro che uno stratagemma creato dai soggetti economici per accrescere i propri profitti sulle spalle dei lavoratori.

Non si deve morire di lavoro, non più!

#BastaMortiBianche

Più letti

Ius Soli, nei panni della ‘seconda generazione’

Sapete quanti sono i ragazzi che vengono definiti di seconda generazione o nuovi italiani? Attualmente sono più di un milione. Vivono con noi, vanno a scuola con...

Il nostro Pd – Ora di punta con Stefano Vaccari

Si torna a discutere del Partito democratico, in particolare dell'iniziativa del segretario Enrico Letta che ha coinvolto 2949 circoli dem nella valutazione di un...

Recovery, la partita decisiva. Con Antonio Nicita

Si parla del piano nazionale di ripresa e resilienza con l'economista Antonio Nicita, che nella segreteria PD si occupa di Istituzioni, Tecnologie e del...

Quale futuro per Cuba? Dialogo con Aldo Garzia

Con il nostro approfondimento andiamo a Cuba, dove l’ottavo congresso del partito comunista cubano ha sancito la fine dell’era Castro, con le dimissioni di...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Uno dei sessanta progetti selezionati dal Governo Conte/Pd/ M5S per il finanziamento con il Recovery Fund UE darà certamente risposta anche a questo fondamentale problema della società non solo italiana. I lavoratori non devono continuare a essere schiavi fino a morirne del sistema produttivo, tuttora prevalentemente legato al profitto e all’accumulo finanziario, ma lavorare in clima di conciliazione delle esigenze di lavoro e vita di uomini e donne, in un sistema che mira al benessere psico fisico delle persone e allo sviluppo sostenibile.

  2. Già è prprio vero: lavorare per vivere non la vorare per morire. Spero davvero che il Governo intervenga su questo argomento con il Recoveri Fund o con il Mes. Devono fare presto,ma per il momento mim sembra che nessuno della maggioranza aqbbia voglia di abbandonare La Propria posizione vedei le notizie di oggi. Invece di fare solo chiacchiere e discussioni inutili, pensiono di più a fare cose utili al Paese , in primo luogo sulla sicurezza nei posti di lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista,...

L’incredibile viaggio della casa di Rosa Parks

  Una storia che ha dell'incredibile, che parte dall'America segregazionista degli anni '50 per arrivare qualche mese fa in Italia, e in particolare a Napoli. Protagonisti...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...