domenica 17 Gennaio 2021

Lavorare per vivere. Non vivere (né morire) per lavorare
L

Non sono eroi di guerra, sono otto ragazzi che ogni mattina si recavano al lavoro.
Quel lavoro che è principio e fondamento della nostra Repubblica ha tolto loro la vita.
Solo uno è sopravvissuto fra indicibili sofferenze.

A tredici anni dalla tragedia la situazione legata alle c.d. morti bianche non è assolutamente cambiata. Scorrendo i dati sul sito dell’INAIL si può constatare che relativamente ai primi 7 mesi del 2020 si sono registrate 719 vittime riconducibili ad incidenti sui luoghi di lavoro, il 19.5% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le condizioni nelle quali si lavora abitualmente sono rimaste le stesse anzi, spesso, risultano peggiorate. La corsa alla competizione anche tra i lavoratori e l’aumento della precarietà (esasperata da bassi salari, ricatto occupazionale abitualmente usato per diminuire i costi, aumento dei ritmi di lavoro e della conseguente alienazione, progressivo invecchiamento di lavoratrici e lavoratori che non possono andare in pensione …) hanno determinato le situazioni di insicurezza e incuria per le quali ogni giorno si muore.

Non possiamo più tollerare tutto questo. Occorre un nuovo paradigma, dobbiamo lavorare per vivere non vivere per lavorare.

La sicurezza sui luoghi di lavoro è data da moltissimi fattori, in primis dal rispetto delle normative e dei protocolli ma è strettamente legata anche ai ritmi della produzione, allo stress psicofisico al quale sono sottoposti i lavoratori, alla competizione crescente figlia di un neoliberismo che pone al centro del suo sistema esclusivamente il profitto.

La vita umana, il benessere dei lavoratori sono esclusivamente funzionali all’ incremento della produttività. Ci hanno reso tutti schiavi di un sistema basato sul successo individuale, sul becero consumismo di beni e servizi, del concetto egoistico che tutto ha un prezzo.

La politica ha il dovere di ribaltare tutto questo, rovesciando stereotipi figli di un sistema economico completamente sbagliato che ha fallito miserabilmente tutte le sfide alle quali è stato chiamato rispondere.

La vita è un qualcosa di sacro, il diritto delle persone di viverla dignitosamente ed in sicurezza non può essere messo in discussione in alcun modo.

Lavorare meno, lavorare tutti. Garantire un salario minimo universale, migliorare le condizioni di vita nei luoghi di lavoro, comprendere che la competizione non è altro che uno stratagemma creato dai soggetti economici per accrescere i propri profitti sulle spalle dei lavoratori.

Non si deve morire di lavoro, non più!

#BastaMortiBianche

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Uno dei sessanta progetti selezionati dal Governo Conte/Pd/ M5S per il finanziamento con il Recovery Fund UE darà certamente risposta anche a questo fondamentale problema della società non solo italiana. I lavoratori non devono continuare a essere schiavi fino a morirne del sistema produttivo, tuttora prevalentemente legato al profitto e all’accumulo finanziario, ma lavorare in clima di conciliazione delle esigenze di lavoro e vita di uomini e donne, in un sistema che mira al benessere psico fisico delle persone e allo sviluppo sostenibile.

  2. Già è prprio vero: lavorare per vivere non la vorare per morire. Spero davvero che il Governo intervenga su questo argomento con il Recoveri Fund o con il Mes. Devono fare presto,ma per il momento mim sembra che nessuno della maggioranza aqbbia voglia di abbandonare La Propria posizione vedei le notizie di oggi. Invece di fare solo chiacchiere e discussioni inutili, pensiono di più a fare cose utili al Paese , in primo luogo sulla sicurezza nei posti di lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...