venerdì 22 Gennaio 2021

Maxi-risse tra adolescenti, Casu: “Pugno in faccia ai romani. Le istituzioni intervengano”
M

“Li hanno presi a calci, in venti contro due. È successo a Roma, nel quartiere Parioli. Qui venti giovani, dopo aver creato un maxi assembramento senza mascherine, hanno aggredito verbalmente e fisicamente due agenti della Polizia Locale. Uno dei due, mentre stava compilando il verbale, è stato colpito alle spalle con calci ai fianchi e alle gambe, per poi essere spintonato a terra”.

È il primo allarme lanciato sui social, più di dieci giorni fa, dal segretario provinciale del Pd Andrea Casu.

Un allarme che è poi diventato un fenomeno preoccupante, con le risse tra giovanissimi che si sono moltiplicate, nella Capitale e non solo, con passaparola su Internet e minacce fatte recapitare a mezzo post.

Tanto da spingere lo spesso Casu, 48 ore dopo, a tornare sull’argomento dopo l’ennesimo episodio al Pincio, scrivendo su Facebook: “È stato necessario ricorrere ai rinforzi, grazie ai quali è stato possibile identificare tutti i partecipanti, multarli e denunciarli per reato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

La nostra solidarietà agli agenti, ancora una volta vittime di un’aggressione inaccettabile.

Lo ripetiamo ancora una volta. E continueremo a farlo fino allo sfinimento: il nemico è il virus, non le regole e i lavoratori che sono chiamati a farle rispettare”.

Fino all’ennesimo episodio di due giorni fa, quando oltre che a Roma, un episodio di maxi rissa tra adolescenti c’è stato anche a Venezia.

Ma cosa sta capitando a Roma e altrove? E perché alcuni giovanissimi si stanno lasciando andare a simili comportamenti?

Intanto, sul fronte delle indagini relative al maxi-assembramento del Pincio del 5 dicembre quando, negli scontri, un 14enne ha riportato la frattura del setto nasale, finora sono tre gli indagati, tutti minorenni, secondo quanto riferito da alcuni quotidiani.

Gli investigatori stanno passando al setaccio i social e sono riusciti a identificare quasi tutti i partecipanti.

E ciò che colpisce è che nel corso delle attività è stata anche ritirata una pistola a un genitore di uno dei ragazzi coinvolti nella rissa, con il contestuale avvio del provvedimento di revoca del porto d’armi.

A testimoniare il fatto che in un momento di vuoto come quello che stiamo attraversando, con la scuola impossibilitata a svolgere appieno il suo ruolo educativo e di crescita per i giovani, è sulla famiglia che ricade il compito di non lasciare i ragazzi in balìa di se stessi.  

Sul fronte delle reazioni, quel che è certo è che, dopo l’ultimo episodio di tre giorni fa, i toni del segretario del Pd si sono fatti ancora più duri.

“Oggi altre 649 vittime di Covid, oltre 63 mila da inizio pandemia e ancora ci sono persone che si danno appuntamento per violare insieme le regole che servono a difendere la salute di tutti”, ha scritto Casu su Facebook, aggiungendo: “Le immagini dell’ennesima rissa a Roma sono un pugno in faccia alla Capitale e all’impegno di tutti i romani nella battaglia contro il virus. Pochi irresponsabili rischiano di rovinare i sacrifici di un’intera città. Non possiamo abituarci a questo spettacolo, chiediamo alle istituzioni di intervenire e a tutti i cittadini la massima responsabilità”.

 

Più letti

Cent’anni fa nasceva il Pci. Fondatore della Repubblica

Siamo a cent’anni dalla fondazione del Pci. Nel 1921 iniziò una lunga storia che attraversò il ‘900, con i suoi picchi e le sue...

I cento, resistenti, anni di Marisa Rodano. L’intervista a Radio Immagina (AUDIO)

“Ricca, piena di cose e molto varia”. Così ha descritto la sua vita, e come darle torto? Marisa Rodano oggi, 21 gennaio 2021, compie...

Buon compleanno Marisa, 100 anni dedicati alle donne

Buon compleanno Marisa, esistono date che hanno segnato grandi inizi nella storia del nostro Paese. Date che nutrono il nostro pensiero, il nostro sentire, che...

21 gennaio 1921-2021. Le lezioni della storia della Sinistra

“L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari" - Antonio Gramsci, L'Ordine Nuovo, 11 marzo 1921,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...