venerdì 22 Gennaio 2021

Pandemia e povertà alimentare
P

“L’Italia attraversa la più grave crisi alimentare di sempre”. Sono parole nette e inequivocabili quelle di ActionAid nel suo ultimo rapporto “La pandemia che affama l’Italia: Covid-19, povertà alimentare e diritto al cibo”. A essere maggiormente colpiti sono in particolare donne, bambini e quanti già vivevano prima dell’emergenza in situazioni di estrema fragilità.

Le stime dicono che trentatre italiani su cento hanno visto ridursi il proprio reddito di almeno un quarto. Oltre due milioni di famiglie rischiano di vivere nella povertà assoluta in tutta la penisola, aumentando di circa il cinquanta per cento rispetto all’anno scorso quando già erano quasi cinque milioni i nuclei costretti a vivere sotto la soglia di povertà assoluta. E se allarghiamo lo sguardo all’Europa, sono cinquantanove milioni le persone che rischiano di soffrire di povertà alimentare secondo gli ultimi dati FAO. Nello stesso tempo i colossi del commercio online hanno visto moltiplicare i loro utili e il valore in borsa delle loro azioni. Numeri impressionanti che rivelano come il virus abbia allargato in maniera netta le disuguaglianze.

Le misure varate in ambito nazionale in questi mesi di emergenza, in particolare attraverso i buoni spesa gestiti insieme ai Comuni, sono state una prima risposta ma il lavoro da fare è ancora grande. Troppo spesso purtroppo questi interventi sono farraginosi e insufficienti. Criteri di accesso come la residenza, ma anche il reddito, spesso escludono dai sostegni chi ne avrebbe bisogno. Accanto a ciò, per fortuna, possiamo contare anche su una rete della solidarietà alimentare che in questi mesi sconvolgenti ha molto spesso fatto la differenza nelle comunità locali, arrivando proprio dove lo Stato non ce l’ha fatta.

Ora le indicazioni di associazioni come ActionAid, Banco Alimentare e Caritas che si muovono tutti i giorni sul campo, vanno prese subito sul serio. Bisogna lavorare ancora molto sulle modalità più efficaci per tutelare le persone che hanno bisogno di aiuto, garantire acquisti capaci di combattere gli sprechi nelle filiere agroalimentari e favorire di più le donazioni private.

Come dicono queste realtà, serve garantire l’accesso universale a bambine e bambini alle mense scolastiche e occorre istituire un Fondo di solidarietà alimentare quale strumento finanziario permanente per supportare una strategia nazionale in grado di allargare il campo degli aiuti, a partire dai Comuni e anche lavorando a un equilibrio migliore nell’utilizzo di alcuni criteri come quello della popolazione e del reddito.

Occorre poi raccogliere la proposta per una legge quadro sul diritto al cibo per uniformare le differenti normative di settore e per individuare univocamente le priorità, le modalità e gli obiettivi delle politiche pubbliche. Io penso che questo lavoro sia necessario anche in Europa. La strategia Next Generation EU, infatti, non può dimenticare il diritto al cibo come priorità assoluta dell’unione dei popoli europei. E la lotta alla povertà alimentare non può rimanere un fronte marginale delle scelte nazionali e continentali. Perchè mai come oggi l’accesso al cibo è una sfida di equità e di giustizia a ogni latitudine. Anche da noi.

Più letti

Cent’anni fa nasceva il Pci. Fondatore della Repubblica

Siamo a cent’anni dalla fondazione del Pci. Nel 1921 iniziò una lunga storia che attraversò il ‘900, con i suoi picchi e le sue...

I cento, resistenti, anni di Marisa Rodano. L’intervista a Radio Immagina (AUDIO)

“Ricca, piena di cose e molto varia”. Così ha descritto la sua vita, e come darle torto? Marisa Rodano oggi, 21 gennaio 2021, compie...

Buon compleanno Marisa, 100 anni dedicati alle donne

Buon compleanno Marisa, esistono date che hanno segnato grandi inizi nella storia del nostro Paese. Date che nutrono il nostro pensiero, il nostro sentire, che...

21 gennaio 1921-2021. Le lezioni della storia della Sinistra

“L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari" - Antonio Gramsci, L'Ordine Nuovo, 11 marzo 1921,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...