giovedì 15 Aprile 2021

La salute del nuovo anno dipende dal vaccino
L

La campagna di vaccinazione che l’Italia, come altri paesi in tutto il mondo, si appresta ad avviare è un’impresa gigantesca. Dovranno essere raggiunte 40 milioni di persone perché si possa finalmente uscire dalla drammatica situazione pandemica determinata dal Coronavirus.

Il ministero della Salute e il governo valutano di poter raggiungere questo traguardo nell’autunno 2021. Sarà un anno complicato quello che ci attende non solo perché per diversi mesi ancora dovremo rispettare le regole di distanziamento, e quelle igieniche (mascherina e lavaggio delle mani), ma anche perché tutto dovrà filare liscio: dalla consegna nei tempi previste dei vaccini alla somministrazione, dalla campagna di comunicazione e informazione al monitoraggio dei numeri relativi all’adesione volontaria dei cittadini. L’inizio della campagna di vaccinazione- 27 dicembre- è stata di carattere puramente simbolico e tuttavia ha portato con sé polemiche su presunte disparità nelle quote. Tutti i paesi europei hanno ricevuto un numero di dosi di vaccino pari, poco meno di 10mila. La Germania ha ottenuto un anticipo di 150 mila dosi sulle forniture successive che, a partire dal 28 dicembre (in Italia dovevano arrivare oggi, 30 dicembre), arriveranno in tutti gli altri paesi.

I contratti con le aziende produttrici dei vaccini sono stati e sono stipulati direttamente dalla Commissione Europea per conto di tutti i Paesi membri dell’Unione. Su questa base ogni Paese riceve la quota spettante che è calcolata in proporzione alla popolazione secondo le stime Eurostat. All’Italia è destinato il 13,46% di ogni fornitura. Questo equivale a 26,92 milioni di dosi dal contratto stipulato con Pfizer-Biontech di cui 8,749 milioni nel primo trimestre.

Il piano di acquisti dei vaccini (datato 28 dicembre) prevede che nel primo trimestre arrivino in Italia, ovviamente se i vaccini saranno autorizzati, 28 milioni di dosi, 57 milioni nel secondo, 53 milioni nel terzo, 14 milioni nel quarto (è del 30 dicembre la notizia che grazie a un ulteriore acquisto da parte della Ue arriveranno all’Italia altri 13,5 milioni di quote Pfizer-Biontech).

Una buona notizia è arrivata da FDA che ha autorizzato l’utilizzo del cosiddetto vaccino residuo che può consentire la somministrazione per ogni fiala Pfizer Biontech fino a 7 dosi grazie all’impiego di siringhe e aghi di estrema precisione, cioè luer-locker. Anche AIFA ha condiviso l’opportunità di ricavare fino a 6 dosi da ogni fiala. Questo permetterà di raggiungere un 20% in più di cittadini.

La salute del nuovo anno dipende davvero dal vaccino. A noi la responsabilità di fare comprendere alle persone che hanno ancora dubbi o resistenze che la svolta arriverà solo grazie alla forza della scienza e della ricerca.

Più letti

La sfida del fotovoltaico sostenibile, con Nicola Baggio e Chiara Braga

Parliamo di energie rinnovabili e di fotovoltaico, cercando di capire in che modo, utilizzando fonti rinnovabili, in alcuni casi si riesca ad avere anche...

Il nuovo piano Biden e la rivoluzione della global minimum tax, con Antonio Di Bella e Paolo Guerrieri

'Il nuovo piano Biden e la rivoluzione della global minimum tax', con Antonio Di Bella, corrispondente Rai da New York, e Paolo Guerrieri, Economista...

Le sfide del nuovo Pd. Ora di punta con Gianni Cuperlo

Notizie, approfondimenti, contributi sull'attualità politica e non solo. In studio Gianni Cuperlo, presidente della Fondazione Costituente del Partito Democratico. Conduce Cristiano Bucchi Per iscriversi al corso...

Ancora Minneapolis, un anno dopo. Dialogo con Marilisa Palumbo

Un anno dopo l'omicidio di George Floyd, la metropoli del Minnesota è ancora l'epicentro della violenza settaria della polizia americana. Ne parliamo con Marilisa Palumbo,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

L’incredibile viaggio della casa di Rosa Parks

  Una storia che ha dell'incredibile, che parte dall'America segregazionista degli anni '50 per arrivare qualche mese fa in Italia, e in particolare a Napoli. Protagonisti...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...