giovedì 17 Giugno 2021

L’Italia non è un Paese per disabili

I disabili in Italia sono circa sei milioni. L’Onu, nei suoi periodici rapporti, sostiene che l’Italia non è un Paese a misura di disabile. Tra le ragioni: i fondi scarsi, il clima discriminatorio e le barriere architettoniche.

Mancano interventi importanti su diversi aspetti e la disabilità è ancora una delle cause principali di impoverimento e marginalità.

Da tempo, ormai, la normativa italiana in materia di invalidità civile, si dimostra inadeguata. Le pensioni di invalidità sono misere e non garantiscono dignitose condizioni di vita. Inoltre, situazioni diverse, ricevono un analogo trattamento economico, violando palesemente i principi costituzionali. Più precisamente, l’invalidità sopravvenuta dovuta all’anzianità, viene da sempre equiparata alla più complessa invalidità dalla nascita o dalla prima infanzia. Un sistema nato per sostenere persone affette da gravi patologie, come le malattie neuromuscolari o altre gravi limitazioni fisiche e intellettive, è stato nel corso degli anni, snaturato ed utilizzato anche per affrontare il decadimento fisico connesso all’avanzare dell’età.

Sono assoluti tabù, poi, la sessualità e le relazioni affettive. Sul punto siamo all’età della pietra.

Si asseconda una violazione quotidiana dello spirito e della lettera della Convenzione Onu del 2006 sui diritti delle persone con disabilità, ratificata con la Legge 3 marzo 2009, n. 18, ancora in larga parte inattuata.

Ma all’estero qual è la situazione? In Francia, per esempio, la vita dei disabili e delle loro famiglie è decisamente migliore rispetto al nostro Paese. Trattamenti pensionistici più adeguati, molti vantaggi per trovare un lavoro e per conservarlo.

Anche in Inghilterra il governo risulta essere efficace nel sostenere le persone con disabilità. Una buona percentuale di diversamente abili è impiegata in attività lavorative e, secondo i dati, i programmi di supporto sono in crescita. Inoltre, Londra in particolare risulta essere una città ampiamente predisposta per le persone con difficoltà motorie: i mezzi pubblici, dalla metro, agli autobus ai taxi sono accessibili per chi si muove in carrozzina, aeroporti e stazioni sono facilmente raggiungibili e dal punto di vista infrastrutturale, i luoghi pubblici hanno poche scale e molte rampe per consentire il libero accesso a tutti.

All’estero l’approccio in generale delle persone nei confronti di chi ha delle problematiche di salute, è decisamente diverso rispetto al nostro Paese. Anche il concetto di “normalità” è completamente diverso dal nostro. In Italia c’è un diffuso e incomprensibile imbarazzo.

Il Ddl Zan, opportunamente prevede anche la condanna delle discriminazioni sulla disabilità. Quasi ogni giorno, infatti, i media segnalano casi di violenza sui disabili. Questo accade in luoghi che dovrebbero essere sicuri, come le scuole o i centri diurni, ma anche tra le mura di casa. Solo nel 2020 sono state registrate 1424 denunce, provenienti da tutta Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome