sabato 26 Settembre 2020

Riconoscere agli immigrati diritti e doveri è una battaglia profondamente giusta
R

Oggi più che mai dare volto, voce, diritti e doveri ai cosiddetti ‘invisibili’ rende non solo più sicura e tutelata la loro vita, ma anche la nostra. Basta pensare alle aberranti situazioni in cui molti di loro sono costretti a vivere, accampati in sovraffollate baraccopoli, in condizioni igieniche inesistenti. Ripristinare regole e vivibilità, non è solo un atto di civiltà è un modo per rendere più sicura dal punto di vista dell’igiene pubblica e della situazione sanitaria di tutta la comunità.

E non si tratta solo di ‘sicurezza sanitaria’. Il lavoro ‘clandestino’, il lavoro nero , che è alla base delle relazioni di sfruttamento, che crescono con la situazione di vulnerabilità di uomini, donne e anche bambini, è un humus potentissimo per far ramificare e diffondere la criminalità organizzata.

In una bella intervista ad Avvenire il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho lo dice con nettezza: regolarizzare gli immigrati che lavorano nel nostro Paese “non darebbe solo corpo al senso di umanità che deve sostenere qualunque iniziativa politica e sociale”, ma inoltre “impedirebbe alle mafie di continuare a gestire le difficoltà e le sofferenze di queste persone con l’intimidazione e il condizionamento… Sarebbe un duro colpo al mercato del lavoro sostenuto e controllato dalle mafie”.

C’è poi anche il ‘côté economico’: già oggi gli immigrati regolari producono ricchezza in Italia il 9% del PiL); le imprese guidate da stranieri sono fattori dinamici e vitali del nostro tessuto imprenditoriale; il contributo degli immigrati ha un peso rilevante anche sui conti previdenziali; ci sono interi settori, l’agroalimentare e i servizi alla persona in primis che, come dimostrano le difficoltà emerse con questa crisi, senza il lavoro degli immigrati non si reggono.

Questi esempi potrebbero essere sufficienti a far dire a qualsiasi persona di buon senso: ‘È una scelta logica, che ci conviene’. Ed è così: regolarizzare, rendere legale il lavoro degli irregolari ci conviene.

Ma non è per questo che il Partito Democratico aveva posto con forza questo tema già nei tavoli della verifica di Governo, ben prima dello scoppio della crisi del Covid19. Ne avevamo parlato a Bologna in un gruppo di lavoro partecipato e appassionato, ne avevamo discusso nel seminario di Rieti ed abbiamo deciso insieme, con una condivisione davvero ampia e motivata, che il PD di questo tema avrebbe fatto una sua battaglia fondamentale, prima di tutto perché ritiene questa battaglia profondamente giusta.

Il nostro Paese è da tempo innervato in ogni snodo sociale, culturale e lavorativo dalla presenza di uomini e donne di origine straniera, come ci ricorda in un bel post su Facebook Marco Paciotti. Pensare di continuare ad affrontare la questione sempre in chiave emergenziale è un grave errore. Occorrono soluzioni strutturali, il tema merita una grande e approfondita riflessione da parte della politica tutta per mettere a punto nuovi strumenti legislativi che riconoscano diritti e doveri sociali e politici.

Più letti

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D'Aosta (che infatti segna il record...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Serve un salto di qualità nell’approccio, più inclusivo e meno divisivo.
    I problemi degli immigrati sono gravi, così come quelli dei non-immigrati.

    Bisogna costruire una misura la più ampia possibile: un reddito di base universale e incondizionato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...