martedì 22 Settembre 2020

Strategia e programmazione: serve un nuovo paradigma anche per il turismo
S

Il virus ha attaccato, in una drammatica spirale, non solo la salute delle persone ma anche l’economia reale e una parte significativa delle imprese italiane rischia, al momento dell’imminente ripartenza, di ritrovarsi in ginocchio.

Il mondo del turismo oggi è certamente il più esposto a questo rischio. La sua “filiera lunga”, che si espande dalla ristorazione alla cultura, dai trasporti alle fiere, e la sua connotazione specifica di servizio non immagazzinabile, rendono praticamente irrecuperabile il terreno fin qui perduto.

Se certamente il primo sostegno alle imprese turistiche è stato bloccare il contagio, perché se non si contiene il virus non si salva l’economia, dopo la sopravvivenza va però garantita la ripartenza. Ci attendono mesi difficili e le risorse straordinarie stanziate per il comparto nel Decreto Rilancio potranno contribuire ad affrontare con meno preoccupazione la stagione turistica alle porte. Ristori a fondo perduto, eliminazione di impegni tributari, estensione degli ammortizzatori sociali, contributi per affrontare le spese di sanificazione ed adeguamento, agevolazioni su affitti e bollette, sono sostegni necessari per riaprire. Così come la promozione turistica e il bonus fiscale per le vacanze delle famiglie italiane.

Ma la domanda a cui dobbiamo rispondere, con concretezza, riguarda anche il “come” torneremo a fare impresa turistica, con quali aspettative e in quali condizioni. Sarà l’estate degli italiani in Italia, alla riscoperta delle eccellenze nazionali e delle destinazioni meno note.

Sul breve termine le strutture ricettive dovranno organizzarsi per gestire il distanziamento personale e le misure di sicurezza per ospiti e lavoratori, secondo protocolli e linee guida precise e condivise, che auspichiamo vengano messe presto a disposizione degli operatori, che tengano conto tanto delle necessità di controllo del contagio quanto delle specificità dei diversi territori.

Ma sul lungo periodo sarà necessario ripensare e riqualificare l’offerta turistica del nostro Paese. Il modello economico del turismo di massa dovrà essere definitivamente superato e dovremo, insieme, affrontare la nuova fase investendo sulla qualità dell’offerta e sulla innovazione dei servizi. La sostenibilità, ambientale, economica e sociale, deve essere al centro del nuovo paradigma di sviluppo, perché una destinazione turistica che protegge l’ambiente, migliora la qualità della vita dei cittadini, tutela le identità locali, riduce lo spreco di risorse energetiche, vince anche la sfida della competitività.

La centralità del comparto turistico non si misura solo attraverso la quota del PIL nazionale che rappresenta, che pure segna un importante 13 per cento, ma anche per il fatto che esso costituisce, in molti territori, l’unica o la principale fonte di investimento ed occupazione. Radicato nelle comunità, impossibile da delocalizzare, fortemente orientato all’innovazione tecnologica, il settore del turismo va riprogettato in profondità, per disegnare nuove imprese, nuove organizzazioni e nuove società.

E questo investimento per il futuro va fatto insieme, istituzioni e imprese, comunità e cittadini, perché nel turismo non esiste un unico soggetto che controlla direttamente tutte le risorse da mobilitare. Serve una strategia comune e condivisa, basata su rapporti di fiducia e relazione.

Insieme, prendiamoci in carico le difficoltà che abbiamo di fronte. Insieme, troveremo la strada nuova per il futuro.


Vanessa Camani è responsabile Turismo e Made in Italy nella segreteria nazionale del Partito Democratico

Più letti

Zingaretti: “Molto soddisfatti. Si conferma che l’unità è l’unica via per vincere e governare”

"Sulle regionali aspettiamo dati più attendibili, ma siamo molto soddisfatti da quanto emerge. In una situazione molto difficile e frammentata c'è la...

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Sono totalmente d’accordo. Oggi purtroppo siamo stati presi alla sprovvista. Ma bisognerà spremere le meningi per far scaturire idee efficaci per un nuovo modello di turismo e fruizione della cultura.

  2. Riprendendo il discorso sul cambiamento di paradigma, trovo molto giusto allentare quello del turismo di massa. A tal proposito la prima cosa che può venire in mente è quella di valorizzare la bellezza dei nostri Borghi. Si potrebbe ad esempio pensare a tour guidati che ne so della Lunigiana o della Garfagnana. Altra splendida possibilità potrebbe essere quella dei tour letterari. Famosa è quello organizzato dalla Regione Sicilia sui luoghi del Commissario Montalbano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...