mercoledì 14 Aprile 2021

Quale poi, un breve corso sulla realtà del “dopo”
Q

Fatelo questo esercizio: tornate per un attimo alla metà di febbraio e riavvolgete il nastro. Il ritmo abituale a scandire giorni e settimane, lavoro, la spesa, figli, amici, un cinema o la pizza. Poi, di colpo, il vuoto e la sensazione che tutto possa ribaltarsi. In un lampo.

“Io resto a casa” e tutte e tutti a casa siamo rimasti.

Qualcuno più a lungo, auto recluso per il tempo necessario a scongiurare il contagio, altri purtroppo hanno vissuto la paura della malattia, i più uscendone seppure provati. Nel frattempo le notizie avvolgevano ogni sfera. I morti, le bare su camion dell’esercito, frasi di allarme o speranza di virologi e scienziati. E ancora, la sfida della ripartenza, le regole del distanziamento, il barista sotto casa a separare col metro un tavolino dall’altro.

Il pianeta intero segnato da un nemico invisibile, senza pietà verso i più fragili, gli anziani provati nel fisico ma non stanchi di vivere. Centinaia di migliaia le vittime. E il dovere di ripensare le categorie di ieri a cominciare dal mondo per come sarà. L’economia, la salute dei popoli, il lavoro nelle nuove forme, il diritto a studiare, muoversi liberamente e sempre in sicurezza, il valore da affidare a beni comuni globali dei quali troppo poco e troppo male ci si era premurati in passato.

Quando la Storia (con la maiuscola) compie una sterzata tanto improvvisa e radicale la colpa imperdonabile è restare ancorati a certezze travolte dagli eventi. Per tutto questo abbiamo chiesto a voci preziose di questo tempo di tracciare un sentiero comune, per comprendere non solo cosa è mutato, ma dove stiamo andando. Saranno dieci appuntamenti, se volete potete chiamarlo un breve corso sulla realtà del “dopo”.

Perché lo spirito che ci ha mosso è esattamente questo, immaginare, intuire, Quale poi saremo in grado di costruire. Se vi va, commentate ciascuna lezione, scriveteci pensieri, annotazioni, proposte. A tutti risponderanno i nostri “docenti” e sarà il modo per aprire una discussione e una riflessione più ampie. Speriamo sia un piccolo seme interrato. E destinato a germogliare.

Più letti

Calo delle nascite, ipoteca sul futuro. Con Elena Carnevali, Massimo Livi Bacci e Giorgia Serughetti

Il dodicesimo anno consecutivo di calo delle nascite, con accanto un dato che si è manifestato, in tutta la sua crudezza, per la prima...

Gagarin, sessant’anni dopo. Con Francesco Rea e Roberto Vittori

Sessant'anni fa per la prima volta l'uomo andava nello spazio. Era l'astronauta russo Yuri Gagarin.Ne parliamo a Contemporanea con l'astronauta Roberto Vittori e con il...

La ricostruzione dell’Aquila, un percorso da valorizzare assieme agli altri

Il 6 aprile scorso è stato celebrato il dodicesimo anniversario dal terremoto che ha devastato L’Aquila e molti borghi abruzzesi, causando oltre 300 vittime....

Si scrive vaccino, si legge geopolitica

Siamo ad un anno preciso dal primo lockdown in Italia per via dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Le nostre vite sono state stravolte in...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

‘Arte, memoria, melodie silenziose: piantare il futuro’. Intervista a Paolo Fresu

È uno dei nostri musicisti più talentuosi ed autorevoli, ma è anche un artista, e un uomo, di grande sensibilità civile. La scorsa settimana...