giovedì 9 Luglio 2020

Quale poi, un breve corso sulla realtà del “dopo”
Q

Fatelo questo esercizio: tornate per un attimo alla metà di febbraio e riavvolgete il nastro. Il ritmo abituale a scandire giorni e settimane, lavoro, la spesa, figli, amici, un cinema o la pizza. Poi, di colpo, il vuoto e la sensazione che tutto possa ribaltarsi. In un lampo.

“Io resto a casa” e tutte e tutti a casa siamo rimasti.

Qualcuno più a lungo, auto recluso per il tempo necessario a scongiurare il contagio, altri purtroppo hanno vissuto la paura della malattia, i più uscendone seppure provati. Nel frattempo le notizie avvolgevano ogni sfera. I morti, le bare su camion dell’esercito, frasi di allarme o speranza di virologi e scienziati. E ancora, la sfida della ripartenza, le regole del distanziamento, il barista sotto casa a separare col metro un tavolino dall’altro.

Il pianeta intero segnato da un nemico invisibile, senza pietà verso i più fragili, gli anziani provati nel fisico ma non stanchi di vivere. Centinaia di migliaia le vittime. E il dovere di ripensare le categorie di ieri a cominciare dal mondo per come sarà. L’economia, la salute dei popoli, il lavoro nelle nuove forme, il diritto a studiare, muoversi liberamente e sempre in sicurezza, il valore da affidare a beni comuni globali dei quali troppo poco e troppo male ci si era premurati in passato.

Quando la Storia (con la maiuscola) compie una sterzata tanto improvvisa e radicale la colpa imperdonabile è restare ancorati a certezze travolte dagli eventi. Per tutto questo abbiamo chiesto a voci preziose di questo tempo di tracciare un sentiero comune, per comprendere non solo cosa è mutato, ma dove stiamo andando. Saranno dieci appuntamenti, se volete potete chiamarlo un breve corso sulla realtà del “dopo”.

Perché lo spirito che ci ha mosso è esattamente questo, immaginare, intuire, Quale poi saremo in grado di costruire. Se vi va, commentate ciascuna lezione, scriveteci pensieri, annotazioni, proposte. A tutti risponderanno i nostri “docenti” e sarà il modo per aprire una discussione e una riflessione più ampie. Speriamo sia un piccolo seme interrato. E destinato a germogliare.

Più letti

La politica e la sfida della pianificazione urbanistica nel post Covid

La crisi infettiva legata al Covid 19 e le conseguenti misure di contrasto alla diffusione basate sul distanziamento fisico hanno indotto molti...

Ci saranno altre Ocean Viking. In futuro serviranno risposte e tempi certi

La vicenda Ocean Viking si è conclusa ma non sarà il primo né l’ultimo caso simile. Una previsione tanto facile da fare...

Contratti, digitale, appalti e ambiente: nel Dl Semplificazioni il futuro del Paese

Il Governo ha approvato ieri il decreto legge “Semplificazioni” un provvedimento importante e molto atteso per accompagnare con procedure più rapide e...

Dl semplificazioni: ecco le misure per far ripartire l’Italia

Ripartiamo con le opere, la semplificazione e la sburocratizzazione per dare modo al Paese di ripartire, ma senza lasciare nessuno spazio alla...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Sport significa inclusione e coesione, diamo alle associazioni gli strumenti che meritano

Una scelta importante, in un momento di forte attenzione per tutto il mondo sportivo. Come PD vogliamo sottolineare l’importanza dello sport, ricordando...

‘Bonus vacanze’ da oggi al via: come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, che fare (ora)?

La crisi funziona sempre come un amplificatore delle disfunzionalità di sistema. Il trauma interrompe il tessuto della quotidianità e della “normalità”, ma...