lunedì 28 Settembre 2020

Accogliere i rifugiati e integrarli in Italia è possibile e giusto
A

Oggi, 20 giugno, si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato. Il Rapporto 2019 dell’UNHCR registra un incremento di rifugiati nel mondo fino alla cifra impressionante di quasi 80 milioni. Una tendenza a crescere che negli ultimi anni si è confermata. Un esodo determinato sempre più da “nuovi” fattori climatici che spesso si sommano a quelli storici come guerre, persecuzioni o carestie.

Da anni invece in Italia diminuiscono costantemente il numero di persone che arrivano chiedendo protezione. A conferma che gran parte dei profughi non hanno i mezzi per andare lontani, sfollando a volte dentro i confini stessi degli Stati di appartenenza o attraversando i confini degli Stati limitrofi per poi rimanere in attesa di tempi migliori per tornare. Una speranza spesso vana. Pochi provano ad andare lontani, ancor meno vi riescono.

Di fronte a questo popolo in fuga, c’è da chiedersi se sia giustificato l’allarmismo di chi vorrebbe chiudere porti e senza toccare i decreti sicurezza, che si sono dimostrati inefficaci e sbagliati nelle motivazioni che li generarono. Un allarmismo contagioso ma infondato, dal 1 gennaio 2020 ad oggi infatti gli arrivi via mare sono stati meno di 6 mila. Non esattamente quell’invasione allora evocata strumentalmente. L’unico risultato è stato quello di mettere in difficoltà il sistema di accoglienza diffuso e di rischiare di lasciare in strada migliaia di persone, senza alcuna forma di protezione e assistenza.

Un caos pianificato allo scopo di dimostrare un teorema., ovvero che in Italia non è possibile fare accoglienza né integrazione.

Anni di lavoro passato invece dimostrano il contrari, anche in presenza di periodi in cui gli arrivi erano assai superiori a quelli attuali. Oggi invece abbiamo flussi in arrivo largamente inferiori e gestibili in una ottica di accoglienza e legalità che sia  rispettosa dei diritti umani fondamentali e dei trattati internazionali sottoscritti. Gli accordi di Malta hanno dimostrato che può esserci un efficace coordinamento internazionale che coniughi i due principi enunciati. Serve ora andare radicalmente oltre i decreti sicurezza e darci strumenti che permettano di svolgere accoglienza e integrazione a quelle persone che ne hanno diritto in sinergia con gli EE. LL. e il Terzo settore e il volontariato, che anche in questi mesi hanno contribuito con il loro impegno a contenere i disagi provocati dalle norme previste nei decreti sicurezza.

Numeri e risultati ci dicono che cambiarli sarebbe un gesto di buon senso, fatto in nome della civiltà e dei diritti, di cui beneficerebbero tutti in termini di serenità e sicurezza.


Marco Pacciotti è il responsabile del dipartimento Immigrazione del Partito Democratico

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...