giovedì 15 Aprile 2021

Accogliere i rifugiati e integrarli in Italia è possibile e giusto
A

Oggi, 20 giugno, si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato. Il Rapporto 2019 dell’UNHCR registra un incremento di rifugiati nel mondo fino alla cifra impressionante di quasi 80 milioni. Una tendenza a crescere che negli ultimi anni si è confermata. Un esodo determinato sempre più da “nuovi” fattori climatici che spesso si sommano a quelli storici come guerre, persecuzioni o carestie.

Da anni invece in Italia diminuiscono costantemente il numero di persone che arrivano chiedendo protezione. A conferma che gran parte dei profughi non hanno i mezzi per andare lontani, sfollando a volte dentro i confini stessi degli Stati di appartenenza o attraversando i confini degli Stati limitrofi per poi rimanere in attesa di tempi migliori per tornare. Una speranza spesso vana. Pochi provano ad andare lontani, ancor meno vi riescono.

Di fronte a questo popolo in fuga, c’è da chiedersi se sia giustificato l’allarmismo di chi vorrebbe chiudere porti e senza toccare i decreti sicurezza, che si sono dimostrati inefficaci e sbagliati nelle motivazioni che li generarono. Un allarmismo contagioso ma infondato, dal 1 gennaio 2020 ad oggi infatti gli arrivi via mare sono stati meno di 6 mila. Non esattamente quell’invasione allora evocata strumentalmente. L’unico risultato è stato quello di mettere in difficoltà il sistema di accoglienza diffuso e di rischiare di lasciare in strada migliaia di persone, senza alcuna forma di protezione e assistenza.

Un caos pianificato allo scopo di dimostrare un teorema., ovvero che in Italia non è possibile fare accoglienza né integrazione.

Anni di lavoro passato invece dimostrano il contrari, anche in presenza di periodi in cui gli arrivi erano assai superiori a quelli attuali. Oggi invece abbiamo flussi in arrivo largamente inferiori e gestibili in una ottica di accoglienza e legalità che sia  rispettosa dei diritti umani fondamentali e dei trattati internazionali sottoscritti. Gli accordi di Malta hanno dimostrato che può esserci un efficace coordinamento internazionale che coniughi i due principi enunciati. Serve ora andare radicalmente oltre i decreti sicurezza e darci strumenti che permettano di svolgere accoglienza e integrazione a quelle persone che ne hanno diritto in sinergia con gli EE. LL. e il Terzo settore e il volontariato, che anche in questi mesi hanno contribuito con il loro impegno a contenere i disagi provocati dalle norme previste nei decreti sicurezza.

Numeri e risultati ci dicono che cambiarli sarebbe un gesto di buon senso, fatto in nome della civiltà e dei diritti, di cui beneficerebbero tutti in termini di serenità e sicurezza.


Marco Pacciotti è il responsabile del dipartimento Immigrazione del Partito Democratico

Più letti

La sfida del fotovoltaico sostenibile, con Nicola Baggio e Chiara Braga

Parliamo di energie rinnovabili e di fotovoltaico, cercando di capire in che modo, utilizzando fonti rinnovabili, in alcuni casi si riesca ad avere anche...

Il nuovo piano Biden e la rivoluzione della global minimum tax, con Antonio Di Bella e Paolo Guerrieri

'Il nuovo piano Biden e la rivoluzione della global minimum tax', con Antonio Di Bella, corrispondente Rai da New York, e Paolo Guerrieri, Economista...

Le sfide del nuovo Pd. Ora di punta con Gianni Cuperlo

Notizie, approfondimenti, contributi sull'attualità politica e non solo. In studio Gianni Cuperlo, presidente della Fondazione Costituente del Partito Democratico. Conduce Cristiano Bucchi Per iscriversi al corso...

Ancora Minneapolis, un anno dopo. Dialogo con Marilisa Palumbo

Un anno dopo l'omicidio di George Floyd, la metropoli del Minnesota è ancora l'epicentro della violenza settaria della polizia americana. Ne parliamo con Marilisa Palumbo,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

L’incredibile viaggio della casa di Rosa Parks

  Una storia che ha dell'incredibile, che parte dall'America segregazionista degli anni '50 per arrivare qualche mese fa in Italia, e in particolare a Napoli. Protagonisti...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...