martedì 29 Settembre 2020

Ora il welfare delle donne
O

È una ottima notizia l’approvazione in prima lettura alla Camera della legge che istituisce l’assegno unico per i figli. Per la concretezza delle risorse che mette a disposizione ma anche per le novità nell’approccio. Mettere al mondo e crescere figli deve essere una libera scelta delle persone. Ma quella scelta non riguarda solo la sfera privata. E interesse generale pubblico che quel desiderio non si trasformi in rinuncia per gli ostacoli incontrati lungo la strada della vita: lavoro precario, quantità e costo dei servizi, stereotipi che caricano sulle spalle delle donne l’intero peso dei lavori di cura e le escludono dal mercato del lavoro.

In secondo luogo la futura legge riconosce il medesimo sostegno economico per i figli indipendentemente dalla tipologia di rapporto di lavoro o assenza di esso dei genitori. Per assurdo fino ad oggi lo scarno e frammentato sostegno alle famiglie era negato a chi più in difficoltà (incapienti) o a lavoratori e lavoratrici autonomi e professionisti.

Questa nuova impostazione fa ben sperare nella rivisitazione in chiave contemporanea del nostro Welfare, fin qui immaginato per lavoratori maschi e dipendenti a tempo indeterminato. E quindi per definizione escludente di tutti gli altri.
È importante anche l’impegno alla rapida approvazione in entrambi i rami del Parlamento, facilitato dal voto unanime della Camera.

Altrettanto rapidamente però occorre accompagnare l’assegno unico alle misure di sostegno all’aumento della occupazione delle donne. Che è moltiplicatore di benessere per tutto il paese.

In questi giorni l’Europa ha realizzato una svolta, definita giustamente storica, con il varo de Recovery Fund per finanziare le riforme necessarie alla rinascita dei paesi più colpiti dalla pandemia. Nel nostro i problemi della pandemia si sono sommati ai limiti strutturali preesistenti.

Tra di essi, insieme agli scarni investimenti in ricerca innovazione infrastrutture materiali e immateriali, il più importante è stato nel tempo il mancato riconoscimento delle competenze delle donne. Per gli effetti sulla ricchezza del paese, sul profilo del modello produttivo e sociale. Sulla qualità della nostra democrazia.

Destinare una parte consistente delle risorse in arrivo dall’Europa alla promozione dell’occupazione femminile, all’educazione, ai bambini sarebbe il più grande investimento per il futuro. La rivoluzione necessaria. Facciamone l’impegno caratterizzante del Partito democratico.

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...