martedì 29 Settembre 2020

Che vergogna Salvini, ridotto a utilizzare i morti per raccattare qualche decimale nei sondaggi
C

“Non c’è bisogno della mascherina, se volete continuare a fare terrorismo, avete dei problemi. Oggi leggevo che i pm di Roma hanno aperto un fascicolo a carico di Conte e mezzo governo per l’epidemia… questi hanno sulla coscienza i morti in Lombardia e gli affamati nel resto d’Italia”.

Che vergogna, senatore Salvini. Che vergogna sentir parlare lei, proprio lei, di coscienza. Lei che non ha mai ammesso i drammatici errori fatti dalla regione Lombardia, dove la mortalità per Covid è stata tre volte più alta che in Lazio e in Veneto. Che vergogna vederla ora utilizzare persino i morti pur di raccattare qualche decimale nei sondaggi o per nascondere lo scandalo dei 600 euro che ha coinvolto i suoi parlamentari: loro, sicuramente, la fame non l’hanno fatta. Loro, pur definendolo una “elemosina”, l’aiuto alle partite Iva non l’hanno evidentemente disprezzato.

Mentre noi lavoravamo, lei visitava le sagre.

Mentre noi ci confrontavamo quotidianamente con medici, esperti e tecnici, lei si faceva i selfie con il panino.

Mentre noi prendevamo decisioni durissime, leggendo le carte e studiando i dossier, lei era in diretta su Instagram che mostrava la sua cena.

Cosa ne sa lei della fame, senatore Salvini? Lei, che da anni e anni percepisce stipendi a quattro zeri pur non presentandosi mai sul suo luogo di lavoro. Stipendi pagati anche dagli italiani “affamati” che lei dice di voler rappresentare.

L’Italia e il mondo hanno affrontato una situazione senza precedenti nella storia contemporanea. L’Italia, che a marzo e aprile contava migliaia e migliaia di contagi giornalieri e centinaia e centinaia di vittime, oggi è l’unica in Europa a non conoscere quotidianamente migliaia di nuovi positivi: in Francia, nelle ultime 24 ore, ci sono state 2.524 infezioni; in Germania 1.445; in Spagna 1.690; in Gran Bretagna 1.148; in Belgio, che ha una popolazione di appena 1,2 milioni di abitanti, ce ne sono state più di 600. L’Italia, con 481 nuovi casi, riesce ancora a reggere, pur registrando un incremento da non sottovalutare.

E sa perché? Perché mentre lei, senatore, passa le sue giornate a organizzare assembramenti e a dare il cattivo esempio, la quasi totalità dei cittadini, invece, è responsabile e non dimentica. Non dimentica i sacrifici fatti, il dolore per i parenti e gli amici persi, i mesi di solitudine, il coraggio e i volti scavati dalla fatica di medici e operatori sanitari. Non dimentica chi lavorava e chi giocava al balletto aprire tutto-chiudere tutto.

35.225 nostri connazionali hanno perso la vita. E la vita, senatore Salvini, non è un gioco.

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...