lunedì 25 Gennaio 2021

Perché, oggi, dovremmo usare tutti ‘Immuni’
P

Per il Massachusetts Institute of Technology la app Immuni adottata dal Governo italiano è tra le migliore al mondo per il tracciamento dei contagi di Covid 19 ma in Italia è ancora circondata da scetticismo e snobismo ‘all’amatriciana’.
Abbiamo quindi una app ottima, sicura, che ci avvisa in maniera riservata se nei 14 giorni precedenti una persona che ci è stata vicino ha successivamente scoperto di aver contratto il Covid-19 e nonostante tutto solo 5 milioni di italiani l’hanno scaricata.

Il tracciamento è basato su tecnologia Bluetooth e quindi non utilizza i dati di geolocalizzazione. L’app inoltre non raccoglie alcun dato identificativo dell’utente, come nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono o indirizzo email. A comunicare sono soltanto gli smartphone delle persone, grazie al continuo segnale Bluetooth emesso dall’app. In questo modo ogni smartphone registra la prossimità fra due utenti, tenendo traccia del contatto e della durata dello stesso direttamente nella memoria del telefono. Di fatto nessun dato sensibile viene raccolto, eventuali informazioni che l’utente sceglierà di condividere sul server saranno gestiti dal Ministero della Salute e cancellati entro il 31 dicembre 2020.

Una notifica avvisa chi è entrato in contatto con qualcuno risultato positivo ai test, dandogli così la possibilità di effettuare test e tampone entro 48 ore e a sua volta e adottare eventualmente le misure di precauzione per contenere il diffondersi del virus. Quando viene riscontrato un nuovo caso positivo da parte di ospedali o Asl, gli operatori, dietro consenso della persona contagiata, potranno inserire un codice nel sistema che invierà una notifica agli utenti con i quali quella persona è entrata in contatto.

L’app da sola non contiene il virus e non può impedire che i contagi aumentino, è uno strumento che, dovendo convivere con il virus, ci permette di identificarlo, tutelando i tuoi familiari e le persone con cui sei in contatto.

Più letti

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornati i...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

La settima scientifica è una rubrica per coloro che hanno curiosità scientifiche e sono interessati a capire quanto, scoperte, conquiste scientifiche, innovazione e trasferimento...

Covid19, il vaccino a tutti i Paesi del mondo per equità e buon senso

La distribuzione del vaccino contro il COVID19 a tutti i paesi nel mondo, non è soltanto una questione di equità, ma di buon senso! In...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...