mercoledì 30 Settembre 2020

Una nuova “vigilanza” sui processi democratici dell’Ue. Per rafforzare l’Europa.
U

Nelle prossime settimane inizieranno in Parlamento Europeo i lavori della Commissione speciale chiamata ad occuparsi delle interferenze straniere che sono intervenute nei processi democratici dell’Unione Europea e dei suoi Stati membri. Il compito che abbiamo davanti, sicuramente non semplice e molto ambizioso, ha al centro la salvaguardia di un bene prezioso e fragile: i nostri valori democratici.

Negli ultimi anni sono stati infatti molteplici i tentativi, da parte di attori statali e non, al di fuori dei confini europei, di inserirsi e condizionare il dibattito politico e le scelte fondamentali. Abbiamo assistito a varie forme di “ingerenza”: dai finanziamenti non trasparenti di attori politici (e non) fino a strategie organiche di disinformazione. Forme diverse che hanno spesso due elementi in comune: favoriscono spesso movimenti di estrema destra e hanno come bersagli preferiti minoranze e soggetti più vulnerabili.

È quindi molto importante che a livello europeo sia maturata, grazie anche al lavoro della delegazione dei parlamentari del PD, la consapevolezza di questi pericoli e l’intenzione di affrontarli in maniera decisa.

Si tratta ora di mettere in campo un impegno all’altezza delle ambizioni. Bisognerà necessariamente iniziare ascoltando, approfondendo e ricostruendo con un buon livello di dettaglio tutti quegli episodi che possono essere oggetto di dubbi e ambiguità, inclusi quelli noti che riguardano o hanno riguardato casa nostra. La priorità è fare piena luce su quanto accaduto, sulle connessioni e sulle responsabilità e farlo con il massimo della trasparenza.

All’analisi dei fatti deve poi seguire una proposta politica lungimirante, capace non solo di contrastare i fenomeni di interferenza per come sono stati rintracciati, ma soprattutto di cogliere quelle sfide cruciali che riguardano anche il ruolo dei social network, la loro capacità di condizionamento, e la grande partita dei big data.

Serve una nuova “vigilanza” e In questo contesto avrò il compito di coordinare il lavoro dei deputati del gruppo dei Socialisti e Democratici, un lavoro di squadra essenziale tra tanti che nei diversi Paesi europei vogliono contrastare qualsiasi tentazione pseudo autoritaria e ogni desiderio di far tornare indietro, pericolosamente, le lancette della storia.

In troppi ritengono infatti che la democrazia possa essere indebolita e annacquata, perfino in Europa. Il Parlamento Europeo mi pare sia sulla strada giusta.

Più letti

La “lotta nel fango” imposta da Trump che favorisce Biden

Il primo dibattito presidenziale tra Donald Trump e Joe Biden ha mostrato l’atipicità di questa campagna elettorale in cui anche le forme...

Produttività e flessibilità del lavoro, un legame complesso da valutare con attenzione

Dall’inizio del XXI secolo, la maggior parte dei paesi dell’area OCSE ha registrato una riduzione del tasso di crescita della produttività del...

Recovery Fund. L’aumento dell’occupazione femminile come grande obiettivo nazionale

Come mettere al centro del futuro del Paese e del Recovery Fund, l’occupazione femminile? E soprattutto quali sono i motivi di questa...

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...