sabato 24 Ottobre 2020

Si ricomincia. E ora la comunità scolastica ci sorprenderà in positivo
S

Sono stati mesi difficilissimi. Di lavoro, spesso silenzioso. Di problemi e ostacoli da superare. Mesi in cui si è finalmente tornati a parlare di scuola non solo fra addetti ai lavori, ma anche in famiglia, al bar, per la strada. Non importa con quanta cognizione di causa si sia svolto il dibattito pubblico, l’importante è che l’Italia intera abbia riscoperto la centralità della sua scuola.

Oggi si ricomincia.

Le criticità storiche si sommano alla difficile convivenza col virus, ma la comunità scolastica che ha già dato grande prova di competenza nelle ultime settimane, ci sorprenderà in positivo per responsabilità e capacità di organizzarsi al meglio.
Questo è però soltanto un inizio.

L’Italia tutta ha tematizzato per settimane i problemi della scuola, che hanno radici profonde. Problemi di spazi, di dotazioni infrastrutturali, di organico, di prospettive del personale. Che non potevano trovare soluzione in qualche mese, nell’emergenza. Se il dibattito di questo periodo, anche acceso a tratti, sarà servito a concentrare gli sforzi di tutti su un maggiore e migliore investimento in istruzione potremo dire di avere imparato qualcosa.
Nei giorni del lockdown dicevamo che ne saremmo usciti migliori. Basterebbe capire che per uscirne servirà una parola d’ordine chiara, una priorità che venga prima di tutte le altre: l’educazione.

Buon inizio al personale della scuola, alle studentesse e agli studenti e alle loro famiglie. Si ricomincia. E che stavolta sia la volta buona per cambiare marcia davvero.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...