martedì 29 Settembre 2020

I valori democratici e civili della Toscana contro i seminatori di odio
I

La campagna elettorale è, da sempre, un momento spartiacque. Un passaggio meraviglioso, intenso, duro, cruciale. Ma costituisce anche una cartina tornasole in cui emerge il dna profondo degli schieramenti in campo, il loro profilo culturale, la loro cifra politica.

In Toscana, terra che tutti conoscono per la bellezza paesaggistica, culturale e sociale, la straordinaria suggestione visiva “da cartolina” si è sempre accompagnata ad una bellezza più profonda: quella dei valori del rispetto, della civiltà e della coesione. Eppure una crepa in questa profonda bellezza si è aperta e stiamo vivendo un punto di non ritorno.

Lo si respira ogni giorno. Da vice presidente del gruppo Pd nel Consiglio regionale della Toscana e come candidata alle prossime elezioni regionali nei comuni della Piana ho incontrato centinaia di persone, ascoltando le loro speranze e le loro inquietudini. E, sia chiaro, anche le loro paure. Il timore è che quella bellezza rischi di essere intaccata, bistrattata, mortificata e stravolta.

Lo voglio dire senza filtri: qui si sta giocando una partita culturale, oltre che politica. Ed io ne sono testimone diretta. Una partita che mostra, sul versante della destra, un’arma tra le più pericolose che esistano: quella dello stereotipo. Si parte dello stereotipo – anche quello più vile – per costruire un messaggio violento, offensivo, distruttivo.

Un consigliere comunale di Scandicci, eletto nelle liste della Lega, già salito agli “onori” della cronaca per i trionfanti selfie scattati davanti al mausoleo di Mussolini a Predappio, si è scagliato violentemente contro di me, per il semplice fatto di aver sottolineato – com’è giusto e naturale – che il fascismo non è un’opinione politica, ma un reato. Mi ha risposto che “il fascismo non c’è più se non nella tua testa. Ti vedo un po’ acida, in genere quando le donne sono così acide significa che gli uomini scarseggiano. Forse sarebbe meglio che ti iscrivessi a Tinder”.

Una mia collega, Monica Patino Gomez, candidata a Firenze nelle liste del PD, è stata negli ultimi giorni bersaglio continuo di frasi sessiste e violente sui social. Stessa sorte per una valentissima Sindaca del nostro territorio, Monica Marini, con minacce che fanno tremare i polsi. E parlo solo dei fatti più recenti.

Il problema vero è che tutto questo non è un frutto casuale, sporadico, o una serie di battutine amare. E’ il frutto di un percorso. Ci sono responsabilità politiche, dirette e palesi. Nelle frasi stesse della candidata Presidente della destra, Susanna Ceccardi, che durante la Giornata contro la violenza sulle Donne, nel 2016, ha testualmente dichiarato che alle donne vittime di violenza dovremmo piuttosto insegnare “a non fare le prede”.

Il capovolgimento totale, quindi tra vittima e carnefice. Gravissimo. E’ il frutto delle dichiarazioni del leghista Roberto Salvini, espresse direttamente in Consiglio Regionale, secondo cui servirebbero “le donne in vetrina” per rilanciare il turismo termale toscano. E’ il frutto di Marco Stella, consigliere di Forza Italia e Vicepresidente del Consiglio Regionale, che mentre denunciavo la cultura machista della destra, cercava di silenziarmi – inutilmente – con un delicatissimo “Stai bona”.

Noi di fronte a tutto questo reagiamo e continueremo a reagire fino a che avremo fiato. Perché la Toscana è e sarà sempre quella della rete dei Centri Antiviolenza e del Codice Rosa, il pronto soccorso per le donne vittime di violenza nato in questa terra.

La Toscana è e sarà sempre una straordinaria comunità che saprà reagire con il sorriso e la bellezza dei valori ai seminatori di odio. Lo faremo caricandoci sulle spalle il dovere di trasmettere i valori e il rispetto della nostra meravigliosa Toscana alle generazioni che verranno dopo di noi.


Monia Monni è consigliera regionale del Pd, ricandidata alle elezioni del 20 e 21 settembre.

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...