domenica 27 Settembre 2020

In ricordo di Pio La Torre

Come tanti era figlio di contadini, padre siciliano e madre “emigrata” al sud dalla Lucania. E da figlio di contadini aveva scelto da subito da che parte stare, quella dei braccianti, il che rese quasi naturale l’approdo al sindacato e al Partito Comunista. A inizio degli anni 50 entrò nel consiglio comunale di Palermo e alla fine dello stesso decennio si trovò a guidare la Cgil di quella regione complicata.

Coi primi anni 60 arrivò anche l’ingresso nel Comitato Centrale del suo partito e quasi subito la carica di segretario regionale dei comunisti siciliani. Poi, un anno dopo, l’elezione a deputato dell’Assemblea regionale dove rimase per otto anni.

Il 1972 segnò l’approdo alla Camera dove, per destino e logica, si occupò di agricoltura. Entrò nella segreteria del Pci guidato da Berlinguer. E a metà decennio l’esperienza, sarà quella decisiva, nella Commissione parlamentare antimafia. Sua la prima legge sul reato di associazione mafiosa e sulla confisca dei beni ai mafiosi.

Nel 1981 chiese, si offerse, di tornare nell’isola e di riprendere la carica di segretario regionale. Sentiva che il tempo in corso chiedeva una guida solida e una chiara visione degli avversari nuovi da combattere. Così fu. La lotta che lo vide in prima linea fu contro la base missilistica a Comiso e anche per molti tra noi, appena arrivati a capire qualcosa del mondo, quel suo nome e profilo iniziarono a imporsi, a farsi familiari.

Poco dopo le nove del mattino del 30 aprile 1982 – trentotto anni fa esatti – sedeva a fianco di Rosario Di Salvo, un compagno che lo scortava verso la sede del comitato regionale, in Corso Calatafimi a Palermo, un palazzo solenne e glorioso dove tante volte mi è capitato di entrare e lavorare. Erano su una 131 in una via che si restringeva, una moto li affiancò e raffiche di mitra spensero quelle due vite e quella sua voce. Rosario ebbe forza di reagire, sparò alcuni colpi. Fu un delitto di mafia, come di lì a poco quello del prefetto di Palermo.

Li salutarono in centomila. È sepolto nel Cimitero dei Cappuccini a Palermo.

Oggi il pensiero e il ricordo sono per Pio La Torre, sindacalista, deputato, militante e dirigente comunista.

Leggi su Facebook

Una settimana da Immuni. Ovvero, cosa succede quando arriva una notifica di possibile contagio

Premessa Questa è una storia che finisce bene. Lo dico prima perché viviamo un periodo storico in cui si...

Il Seveso e quelle acque inquinanti che offendono Milano

È una giusta aspirazione che le acque di tutti fiumi siano pulite e non inquinanti ma è risaputo che nel torrente Seveso...

Tutta l’ipocrisia dell’odio razzista. E Black Lives Matter è già un ricordo

Black Lives Matter in Italia è durato lo stesso tempo di cottura di un povero gatto.È bastato un gatto morto per far...

Basta odio in rete, mettiamo in pratica il manifesto della comunicazione non ostile

Mi sembra di navigare tra gli ultras delle varie tifoserie. Si sparge veleno come se piovesse. L'argomento del momento è il rientro...

Covid-19 e 5G, solo l’ultimo delirio del complottismo

Bill Gates stimola la fantasia dei più audaci e ridicoli dietrologi perfino più di un'altra panzana fra le più spinte degli ultimi...

In ricordo di Pio La Torre

Come tanti era figlio di contadini, padre siciliano e madre “emigrata” al sud dalla Lucania. E da figlio di contadini aveva scelto...